NUR

Ottavia Massimo © all rights reserved


الحرب War Guerra

Image

 

    * English and Italian to follow

الحرب

 سأحاولأنأضعكمفيموقفتشعرونفيهبمشاعرمختلفةكليةعنتلكالمشاعرالتيعادةماأراهاعلىوجوهأولئكالذينيلاحظونويحكمونمنبعيد. فالكتابالصحفيونيكتبونعنالجانبالمرعبوالمروعللصراعاتدونماأدنىإدراكبأنمايقومونبهيزيدمنصعوبةإدراكالناس / القراءلمايحدثفيمنطقةالمعارك. فالموتمعاناة،والفقدانمأساة. لكنليسهذاكلماينتجعنالحرب.

ممالاشكفيهأنالناسيدركونحقيقةالأشياءمنداخلحدودالنظمالاجتماعيةوأنانطباعاتهمتتبلوربصورةتدريجيةنتيجةللديناميكياتالمحددةوغالبًاماتكوننتاجًالمشاعرمتناقضة. فتتأرجحالحربمابينآلياتالرقابةوالحكمالصارموحوادثالاضطراباتالخارجية،وأحيانًاتجمعبينهماسويًا،إلىأنتبلغذروتهابسببشدةوسرعةالأحداث. فصلاًعنأنالحربتعطىصورةًللحقائقالتيقدتبدوبعيدةًعنالسيناريوهاتالاقتصاديةالعالميةلكنهاوثيقةالصلةبها. كماأنالحروبمدعومةبغيابالاهتمامبالشعوبوعدمالاكتراثبهم.

فالحربتخلُفُالفوضى،وهيأمربديهيوغريزيلدىالبشر.

إذإنهاتملأالروحبمشاعرلامتناهيةوتفتحأبوابإدراكالواقععلىمصراعيها.

فالحروبتتحرككالظلفوقرؤوسالشعوب،وكالفيروسالذييضربالشعوببمشاعرمزيجبيناليأسالمطلقالعميق،إلىالمتعةوالسعادةالصافية.

كماتساهمالحروبفيإذكاءالإحساسبالكروبوالتيتصبحغيرمحتملةوتنفجرفيصورةمحاولاتللأخذبالثأروالانتقام.

أضفإلىذلكأنالسخطوالاستياءيؤديانإلىتولُّدالإذلالفينفوسالشعوبوإذكاءالشعوربالظلم،وغيابالعدل.

ونظرًالأنالأماكنتعبرعنفحواهاوعَبَقهاعبرأولئكالذينيعيشونبها،فإنمجردالافتراضبأنقيامأحدمابكتابةتقريرعنالحربمنمكتبهيشبهإلىحدكبيرتخيلأنأيفرديمكنهضمانعودةالروحإلىجسدهمرةأخرىبعدالوفاة. إنمايمكنأنيكونحقيقيًاعنالحربالسوريةهيتلكالتحليلاتالجيوسياسيةالتييطلقهاالخبراءالأجانب؛فضلاًعنالمقاتلينالأجانبالمأجورينللقتلأوالذينتحركهماعتقاداتهمالخاصة؛إضافةإلىانحرافسادةالعالمالماديالراغبينفيممارسةسلطاتالغزولتدميرالبنيةالتحتيةوإعادةبناءهامرةأخرى،تاركينعلامتهمومسمياتهمعلىالأعمالالناتجة.

فالحربتندلعفيفترةزمنيةمعينة،وذلكعندماتتحدمجموعةعناصرداخليةوأخرىخارجيةلإحداثالانفجار. فعمليةتحولالصراعإلىحربتتمبصورةتدريجية. إذإنالحروبلاتندلعفجأةولايجدالإنساننفسهفريسةللحربصدفة.

كماأنهناكعدةأشياءأخرىحقيقيةعنالحربالسوريةوهيالمعنىالحقيقيللإذلالالذييصبهعلىالشعبذاكالديكتاتورالذييبلغمنالعمر 40 عامًا،وتلكالحكومةالتيتبذلكلمافيجعبتهاووسعهالإبقاءالشعبالصوريتحتوطأةتلكالحربوالرعبالمُسْتَعِر. كماأنهناكأمرجدحقيقيوهوذاكالاستخدامغيرالمسبوقللقوةالمفرطةمنجانبالسلطاتالحكوميةضدشعبأعزلتماستغلالمواردهفيصنعوتكوينهذهالقوةالعسكريةفيالجيشالنظامي. كماأنهمنالحقيقيأيضًاذلكالتحولالروحيلأولئكالذينيشاهدونمُدُنهموقُرَاهمتملؤهابحورمنالدماءالمُسال،ولاشيءيملكونهسوىالشكريقدمونهلأولئكالذينيقفونبجوارهمللدفاععنهم.                                                    أوتافياماسيمو                                                                                                                                             

WAR

I will try to make you feel emotions quite different from the ones I usually see on the faces of those who observe and judge from afar.  Journalists write about the terrifying side of conflicts without realizing that in so doing they are making it harder for people to grasp what is really going on in in a battle zone. Death is suffering. Loss. Tragedy. But that is not all war is about.

People perceive things from within the boundaries of social systems and their perceptions evolve gradually as a result specific dynamics and of often contradictory feelings. War oscillates between mechanisms of strict control and instances of extreme disorder, sometimes present together, amplified by the intensity and speed of events.  War also mirrors realities that may be physically distant but are closely connected with global economic scenarios. They are sustained by the absence of any perception of individuals as such.

War is essentially chaos. Instinct. Improvisation. It fills the spirit with endless emotions and opens up the gates of perception. It moves like a shadow over populations, like a virus that strikes people with emotions running from the deepest despair to the purest joy.

It brings in its wake a feeling of anguish which soon becomes unbearable and explodes in vendettas. Discontent generates humiliation and a growing sense of injustice.

Just as places express their essence through those that live there, to suppose that one can report on a war from an office desk is like imagining one can guarantee the soul an after-life.  What is true about the Syrian war are the geopolitical analyses provided by foreign experts; the presence of foreign combatants either paid to kill or driven by their own convictions; the perversion of the Masters of the material world bent on conquering in order to destroy and rebuild, and to leave their mark on resulting work.

War breaks out at a specific moment in time, when a number of internal and external factors combine to explode. The process whereby a conflict becomes a war is gradual. Wars don’t happen by chance, nor does one find oneself in one by accident.

Also true about the Syrian war are the real humiliations inflicted on the population by a 40-year-old dictatorship, and all that the Government has done to keep the Syrian people under its heel through raw terror. Very real too is the unconditional use of a government forces   against the people whose resources helped create that army. But also true is the spiritual transformation of those who have seen their towns and villages run with blood and who can only thank whoever comes to their side to defend them.

 GUERRA 

Proverò a suscitare emozioni diverse dalle espressioni che solitamente leggo sui volti di chi osserva e giudica da lontano. I giornalisti raccontano il terrore dei conflitti, non rendendosi conto di allontanare la reale percezione della verità all’interno di una zona di lotta. La morte è dolore. Perdita. Tragedia. Ma non unicamente ciò che identifica una guerra. La percezione umana all’interno del sistema di una società, si muove attraverso dinamiche graduali e sentimenti contrastanti.  Come la guerra oscilla tra meccanismi di controllo e disordine estremi che si manifestano contemporaneamente e in maniera amplificata nella intensità e velocità degli avvenimenti. Un riflesso più o meno speculare di  realtà lontane ma strettamente connesse dai fenomeni economici mondiali.

Nutrite dall’assenza di percezione dell’ Individuo.

La guerra è essenzialmente kaos. Istinto. Improvvisazione.                                                                 Un’infinità di emozioni che avvolgono l’anima spalancando la percezione.                                   Un’ombra che si allarga a contagiare i popoli attraverso sentimenti che vanno dalla disperazione più profonda alla gioia più pura. Una sensazione di fastidio che diventa insopportabile ed esplode in vendetta. Un malcontento che genera umiliazione e crescente senso di ingiustizia.

Come i luoghi raccontano la propria essenza attraverso chi li vive, pretendere di saper narrare la guerra dalla poltrona di un ufficio, è come supporre di poter garantire all’anima la prossima vita.  Della guerra siriana sono vere le analisi geopolitiche effettuate da analisti esterni. La presenza di combattenti stranieri pagati per uccidere o fomentati da convinzioni  proprie. La perversione dei Signori del mondo materiale, intenzionati a conquistare per distruggere, ricostruire, firmare l’opera finale.

La guerra scatta in un momento epocale preciso, in cui più fattori interni ed esterni si incontrano per esplodere. Al livello per cui un conflitto si definisce guerra,  si arriva gradualmente. Non avviene né ci si trova per caso.

Della guerra siriana sono vere le umiliazioni che la dittatura quarantennale ha inflitto. Gli avvenimenti sporadici attraverso cui il governo ha dominato il popolo infondendo terrore. L’utilizzo incondizionato della forza militare governativa, costruita attraverso le risorse dei  cittadini ed esercitata contro gli stessi. La trasformazione spirituale di chi ha vissuto il sangue del proprio Paese e non può far altro che ringraziare chiunque arrivi a difenderlo.

                                                                                                                                  Ottavia Massimo

Advertisements


FEAR

Is it worse to live in fear of being hit by a sniper ..or by a cancer?

E’ peggio vivere nella paura di essere colpiti da un cecchino ..o da un cancro?

 

WEB OttaviaMassimo IMG_1149Ottavia Massimo #Syria


What is normality to you?#Cos’è per te la normalità?

Aleppo – SYRIA

IMG_5652 2

IMG_5757

IMG_5773 2

Bizarre how the spirit can adjust and get used to anything. Disgusting the deep lack of perception of who is addicted to adrenaline, success, money and nothing else. According to the majority of journalists that were covering frontlines in Halep: “there is nothing interesting anymore, life is normal”.

You can walk around in the market without fearing to get shot by a sniper, it’s true. You’ll probably feel safe even if warplanes are flying around. They will not target the market, they will not bomb one of the business run by the government on the enemy’s side. You’ll maybe get shot if you’ll try to clean the garbage on the streets. The sky at night it’s a battle of lights and explosions, but journalists sleep at that time. “I can’t take pictures anyways at night, who cares”.

It’a shame, because who has the opportunity and responsability to inform the world, seems to have no interest about real lives behind frontlines. Not everyone, but the majority of who is building the appearence of this war. Few of them are incredible Beings hambdullah.

..people are just going completely nuts, here.
But there is nothing interesting anymore in Halep, life is normal.

#

Incredibile osservare i livelli di adattamento dello spirito. Disgustosa la mancanza di percezione di chi gode unicamente della tipologia di dipendenza che l’adrenalina, il successo e i soldi provocano. Secondo la maggior parte dei giornalisti presenti sui fronti ad Aleppo: “non c’è più nulla di interessante ad Aleppo, la vita è normale”.

Puoi camminare tra le vie del mercato senza più provare quell’atroce terrore di essere colpito da un cecchino, è vero. Ti sentirai probabilmente al sicuro anche se gli aerei da guerra  ti volano intorno. Non prenderanno di mira il mercato, non verrà loro ordinato di bombardare uno dei business che il governo esercita sul fronte nemico. Forse ti spareranno se proverai ad aiutare a pulire l’immondizia sulle strade. La notte il cielo è una battaglia di luci ed esplosioni, ma i giornalisti dormono a quell’ora. “Non posso fotografare di notte, comunque, chissene frega”.

E’ un peccato, perchè chi ha l’opportunità e la responsabilità di informare il mondo, sembra non avere interesse per la vita che scorre dietro ai fronti. Non tutti, ma la maggioranza di chi sta costruendo lo scenario di questa guerra. Alcuni di loro sono Esseri incredibili, grazie a Dio.

..la gente sta soltanto uscendo pazza, qui.                                                                                                                                                                                                                                                                  Ma non c’è più niente di interessante ad Aleppo, la vita è normale.


Good morning kids of the world!

April 14/2013 – Syria                                                                                                                                                                                                       As soon as you open your eyes, don’t forget to smile at the child that lives in your soul.

Good morning Aleppo..

IMG_5768


Small missions ..invisible?#Missioni. Piccole ..invisibili?

ITALIANO a seguire – I’m sure that I’ll sound complitely crazy to most (by the way I’m use to it), but I have to tell you.. the emotion you get when you buy medicines for hospitals in a war zone, it’s incomperable. Suddenly, the image of the excited faces of doctors, nurses and patients, appear to nourish the soul emptied in front of the growing sense of helplessness that certain dimensions are able to inflict. Thanks to those who are helping me to help, from far away and here with me. Thank You A.B.    #                                                                                                                                                                                                                                            Vi sembrerò pazza (e comunque ci sono abituata), ma ve lo devo dire.. la soddisfazione che si prova nel comprare medicine per gli ospedali all’interno di una zona di guerra, è incomparabile. Le emozioni disegnate sui volti dei dottori, degli infermieri e dei pazienti, compaiono improvvise a nutrire il vuoto dell’anima attonita di fronte alla crescente sensazione di impotenza che certe dimensioni sono in grado di infliggere. Grazie a chi mi sta aiutando ad aiutare, da lontano e qui con me.

IMG_4950

img_0871

42ottaviamassimo


1 Comment

TEMPO MECCANICO VS TEMPO NATURALE (testo + 5 photos)

ENGLISH– http://ottaviamassimo.com/2013/03/04/sometime-ago-people-of-war-mechanic-time-vs-natural-time/

Pubblicato da The Trip/Italia   www.thetripmag.com

Il Sistema è contro l’amore. Dialoghi tra incompresi e dimensioni non comprensibili     

“Chi sei? Tu non sei una giornalista”.

Tu invece si?

IMG_0529 

Sadiqi bussò alla mia porta una notte di due mesi fa. Ero appena uscita dalla Syria ed era venuto a prendermi alla frontiera con un amico comune. Disse di essere freelance. Era molto silenzioso. Sorridente. Lo sguardo vispo. Un guizzo di intelligenza perversa negli occhi che quando si fermano ti entrano nell’anima per capire. E trasmettere un dolore misterioso. Sadiqi è un mercenario. Pagato da uno stato del Medio Oriente. Ha ammazzato settecentottantadue persone. E’ un cecchino, un esecutore. Non spara a casaccio, non spreca munizioni, non ammazza per paura di essere ammazzato. Di origini africane, appartiene alla famiglia più importante di una tribù dell’Africa centrale. Cresciuto in Francia. A sedici anni entra nella Legione Straniera. Ne esce dopo quattro anni invece di cinque, dopo aver ucciso un superiore per questioni d’onore. Si arruola nell’esercito algerino. Sposa una ragazza con cui fa un figlio. Lei e parte della famiglia vivono in una città del sud della Francia.

Sadiqi, perchè hai scelto di fare questo mestiere?

“Per l’adrenalina. Nulla come un fronte di guerra aziona il meccanismo per cui l’eccitazione cancella ricordi e passato”.

Quanto è importante eticamente il fronte cui decidi di appartenere?

“Qualche mese fa ho ricevuto una proposta dal regime siriano in carica. Ho rifiutato”. Perchè? Non pagavano abbastanza?

Ride. “Mi prendi in giro? Parliamo di decine di migliaia di dollari al mese. Ho rifiutato perchè Bashar Al Assad sta ammazzando la sua popolazione senza logica né discriminazioni”.

Sadiqi, perchè hai scelto questo lavoro, cos’è successo, che ti hanno fatto..

Non risponde. Lo sguardo a terra, le mani chiuse a pugno. Insisto.

“Lo sai perchè mi faccio chiamare così? Sadiqi era il nome di mio figlio. Aveva sei anni. Sparì improvvisamente. Ricevetti una telefonata in cui mi dissero che per riavere il bambino avrei dovuto pagare un milione di euro. Rifiutai. Sapevo che se avessi accettato avrebbero continuato a perseguitarmi. La mia famiglia è una delle più ricche della città. So come funzionano queste cose. Sadiqi fu trovato morto una settimana dopo, a pochi chilometri dal centro”.

E poi che è successo?

“Ho ucciso l’intera famiglia del responsabile del rapimento. Tranne un neonato”.

Quanti erano?

“Tre. Lui, la moglie e il figlio”.

Perchè non solo lui? Perchè non il neonato?

“Il figlio, perchè il padre aveva ammazzato mio figlio e perchè si sarebbe in futuro vendicato. La madre, perchè non andasse in giro a raccontare. Lui per ovvi motivi. Al neonato ho trovato una famiglia di adozione”.

Come fai a sapere quanta gente hai ammazzato?

“Non sparo a caso. Neanche sui fronti. Un caricatore contiene 30 proiettili. Ne uso in media due per persona”.

Cosa si prova ad uccidere un bambino?

“Lo faccio solo per questioni di onore e rivendicazione verso chi ha fatto lo stesso”.  Sadiqi. Guardami. Cosa si prova ad ammazzare un bambino.. Come lo fai, gli spari? “No. E’ un lavoro veloce. Pulito, senza sangue. Gli rompo il collo girandogli la testa”.

Quanta gente sa veramente chi sei?

“Poca. Qui solo te. E non credo tu voglia morire per così poco”.

IMG_0362

IMG_0368

Notte. Piove. Siamo a una ventina di chilometri da Aleppo – Syria. Preparando una missione che prevede l’attacco alla base di Al Mushad, sotto il controllo del regime di Bashar Al Assad. Freddo sopportabile. Correre nel fango non è piacevole ma con le nuvole gli aerei non volano ed è il momento migliore per circondare gli obiettivi. La casa che occupiamo è di una famiglia evacuata qualche ora fa. Siamo dodici. Mi mettono in mano un kalashnikov. Lo restituisco indicando la macchina fotografica e il cielo, dicendo Allah u bess, Allah e basta. Usciamo nel cortile per fumare. Ogni tanto si sentono i fischi delle pallottole dei cecchini tra gli ulivi, a circa cinquecento metri di distanza. La casa è una delle basi e intorno ci sono altri rivoluzionari, cinquanta circa, a proteggere la nostra e altre fattorie occupate.

“Oggi è una gran bella giornata”! Perchè? “Perchè sono ancora vivo. Quando questa guerra sarà finita ci sposeremo”. Rido. Credo nell’amore, non nei contratti. Viva la libertà! “Se non mi sposi ti ammazzo”. Benissimo. Grazie! “Puoi scegliere, vivere o morire. Non è difficile”. Sadiqi, chi è stato il primo? Non mi risponde, come due mesi fa. Abbassa lo sguardo, sorride. “Non dimentichi mai nulla eh”?! Dimmi allora, solo, perchè non me lo vuoi dire. “Perchè lo vuoi sapere”? Perchè quando mi guardi mi arriva un dolore fortissimo, antico. Chi è stato il primo Sadiqi, quanti anni avevi? “Meno di quattordici. Era il fratello di mia madre. L’ho ucciso con le mie mani”. Mentre dormiva? “No. Non ho mai ammazzato nessuno che non mi guardasse negli occhi”. Cos’è il Tempo? “Non morire. La guerra ti insegna ad apprezzare ogni singolo istante in  cui ti è concesso di respirare.

IMG_0541

IMG_0395

Perchè sei musulmana”? E’ una lunga storia. “Abbiamo tempo”. Sono un messaggero. Allah mi ha salvata da Marte quando fu disintegrato, sono cresciuta su Sirio, la stella. Mi ha mandata su Terra ventitremila anni fa. Mi sarei anche un po stufata, voglio tornare a casa. “Perchè ti ha mandata qui”? Perchè il genere umano non si estinguesse. “E come penseresti di salvarlo”? Non sono l’unica hambdullah! Siamo un gruppo di fratelli, di vari pianeti, tutti inviati su Terra per attivare le coscienze. Sorride. Puoi non crederci, è un problema tuo. “E gli altri dove sono”? In giro per il mondo a trasmettere codici. Che io sappia, sono l’unica a coprire le zone di guerra. “Codici”? Si. Ognuno di noi è un canale di trasmissione di percezione con le altre dimensioni. Venne un Essere di Venere, nato in Argentina. Con le sembianze di una donna. Mi trasmise un codice che mi apparve negli occhi attraverso figure geometriche precise. Io le trasmisi il mio. Ci riconoscemmo nell’appartenenza a un’unica missione. Da nove anni gira il mondo attivando esseri più o meno consapevoli. La coscienza si sviluppa attraverso l’immagazzinamento di informazioni che gradualmente si collegano a formare storie non casuali. Provò ad allontanarmi dalle dimensioni di guerra. Le raccontai delle istruzioni che ricevo e finalmente capì che non posso ancora allontanarmi dalle guerre, perchè i miei poteri si attivano in tali dimensioni. “Perchè proprio l’Islam. Qual’è la tua missione”? Pensi che Allah sia contento di tutto questo sangue? Credi che la Jihad sia davvero una guerra santa da combattere con armi e terrore? Credi che i musulmani attuali stiano realmente interpretando il pensiero e il volere di Allah? Buddha, Allah e Cristo. Credo in tutti e tre ma è Allah a darmi istruzioni. Sono uno ma operano in tre a seconda delle epoche e zone di mondo. Ascolta. Ciò che sta accadendo sulla terra non è altro che il riflesso di ciò che l’umanità emana. Attualmente ci sono circa sessanta piccoli e grandi conflitti nel mondo. Le guerre più feroci sono islamiche. L’interpretazione attuale dell’essenza dell’Islam, la Jihad,  non è altro che il riflesso delle costrizioni che lo stesso applica alle minoranze. Guarda l’Occidente. Osserva quanti casi di tumore ci sono. Le cellule del cancro si muovono nel corpo divorandone organi e tessuti, fino ad esaurimento. Esattamente come in quella parte di mondo, l’umanità costruisce e invade il territorio. Senza pietà né rispetto alcuno per il bioritmo dell’ambiente. Conseguenze: terremoti e malattie. “Qual’è la tua missione”? Attivare la coscienza di più esseri possibile. “Perchè”? Perchè sto cercando di uscire dalla dimensione Terra. “Ma perchè proprio le guerre?” Per creare un ponte di coscienza tra bene e male. “Se sei così cosciente del male, perchè hai bisogno di viverlo”? Perchè la mia anima è ancora polare e non ancora incarnata. L’incarnazione avviene attraverso l’esperienza e l’accettazione delle proprie polarità. Siamo ciò che emaniamo, non la materia di cui ci contorniamo. “Qual’è l’obiettivo”? Tornare a vivere nella frequenza vibrazionale 13:20. Riportare le coscienze alla dimensione del Tempo Naturale. “Cioè”? Siamo intrappolati nella dimensione temporale del calendario gregoriano fondato sul ciclo artificiale di dodici lune, il Tempo Meccanico installato su Terra perchè le anime perdessero gradualmente il potere di viaggiare tra dimensioni. Trenta giorni un mese, ventotto, trentuno, a volte ventinove. In realtà, i mesi sono tredici e ognuno conta ventotto giorni. Semplice, logico, naturale. Tornare a vivere tredici lune attraverso la percezione significa ricordare per allontanarsi dal concetto di Tempo materiale, causa principale dell’involuzione dell’anima che continuerà a reincarnarsi su questo pianeta. Da studi scientifici risulta che utilizziamo in media il 10% del nostro cervello. Il restante 90% è anestetizzato dalle polarità che rincorrono la materia allontanando l’essenza delle emozioni che percepiamo. L’attuale sistema mondiale è contro l’amore, per questo ci sono così tante guerre.

Al contrario di ciò che si dice, il tempo non guarisce se non trovi il modo di sfogare la rabbia senza ricorrere alla vendetta. Se ti incastri tra le dinamiche della vendetta, le delusioni, i traumi, verranno inconsciamente nutriti dall’illusione di sollievo e appagamento che la stessa finge ogni volta di procurare. Il sentimento di vendetta aziona la produzione di adrenalina. L’adrenalina genera dipendenza. La vendetta è una dimensione in cui la mente incastra i sentimenti in uno spazio definito e regolato da meccanismi rabbiosi. La guerra si muove attraverso dinamiche di dipendenza regolate dalla sensazione di vuoto che la mancanza d’amore genera. Le emozioni che una zona di guerra è in grado di produrre, forniscono l’illusione di non avere tempo da dedicare a ricordi dolorosi. Come una droga, la guerra sembra fermare il tempo, per cui nulla ha valore se non l’essenza imposta da una data circostanza. In guerra non c’è tempo per pensare. I giochi della mente non trovano spazio.

“Ottavia, cos’è la guerra”?

La guerra è un urlo disperato in cerca di emozioni. Il riflesso della parte di mondo distratta dalle esigenze materiali che il proprio ego si illude di avere. La guerra è contro l’amore come lo è il sistema regolato dalla bramosia di successo e potere.

Morire altro non è che non avere Tempo di percepire.

Ottavia Massimo


Dipendenze e adrenalina

 

Bulimia e fronti di guerra. Le dipendenze non sono malattie, sono modi di vivere.                                                                        Osservazioni                                                                                                                            

E’ talmente potente la guerra, che sui fronti ti passa pure la bulimia. Per quanto ora finalmente riesca a gestire il mio “vizietto”, la guerra è l’unico sistema in grado di liberarmi totalmente dalla prigionia dei disturbi alimentari. Come l’amore. Con la guerra però la sensazione di un pensiero libero dai tranelli del cervello, dura più a lungo. In guerra scompaiono anche gli attacchi di panico. Il tempo è regolato dall’essenza di un’emozione che segue azioni non consuete. I giochi della mente non trovano spazio.

Comincio a pensare al cibo, il giorno prima di uscire dalla dimensione guerra. Solitamente non cedo ma sento crescere un’ansia sottile che promette vuoto. Per tre pacchetti di patatine e un Raider, a marzo in Syria, fu questione di qualche minuto non rimanere incastrata in una casa che poco dopo divenne un target. Albeggiava appena, i muri tremavano, non c’era luce, non potevo aprire la finestra perchè era zona di cecchini. Faceva molto freddo quando mi misi sotto le coperte decisa a viziare il mio vizio almeno una volta. Notte. Ero in preda a un attacco d’ansia dovuto al calo di adrenalina e alla sensazione di bombardamenti imminenti. Iniziai a mangiare. La giornata non era stata delle più comuni. Avevo conosciuto una giovane signora coraggiosa che mi propose di andare a passeggiare nella black area, le due grandi piazze governative. Il giorno prima in ospedale, erano arrivati vari bambini feriti o morti che avevano commesso l’errore di giocare in strada dopo il tramonto. Li accarezzavo mentre sentivo crescere una rabbia incontrollabile per cui ero decisa a voler capire chi li avesse colpiti. Le undici di mattina circa. Mi misi il burqa e una lunga veste nera, da uomo, aperta davanti. Si vedevano jeans e scarponi ed ero più alta della media delle donne siriane. Ero ridicola ma decidemmo di provare. La mia amica indossava un hijab a coprire i capelli soltanto. Uno dei suoi figli era un’attivista armato ma il governo ancora non lo sapeva perchè il ragazzo si occupava di missioni specifiche e ben organizzate. Non usciva durante il giorno. Non abitava con la madre e la famiglia, la cui casa si trovava in una delle due zone controllate dal governo. La mia amica era conosciuta ma non ancora un target. Indossando il burqa (integrale, retina e secondo velo sugli occhi), avevo il dovere e diritto di non rispondere né parlare. Camminavamo a braccetto, con passi veloci, la testa appena rivolta verso il basso. Ai muri dei palazzi governativi erano appese fotografie gigantesche di Bashar Al Assad. Sui tetti, all’angolo di ogni edificio, gruppi di tre, quattro cecchini puntavano l’orizzonte in fondo alla strada. Sentivo gli sguardi penetrarmi l’anima e la schiena. I soldati ammiccavano ridendo e qualcuno disse: vedrete donne che fine farete tra poco con quel burqa! Da quando era iniziata la rivoluzione, le donne di Idlib decisero di indossare il burqa a coprire il volto interamente. Prima vestivano l’hijab soltanto, alcune nulla. I soldati del governo mal sopportano il fatto di non poter riconoscere un volto. Né amano chi pratica una filosofia. Varie moschee dei paesi tra le montagne della regione sono state assalite, distrutte, filmate mentre i ragazzi in divisa pisciano sui tappeti di preghiera cantando filastrocche di scherno su Allah. Camminammo al centro dei viali lungo le due piazze, scavalcando i sacchi di sabbia dei check point e passando a pochi centimetri dai cecchini. Ci guardammo negli occhi due volte con due soldati. All’inizio percepii odio. Poi vidi l’aura bucata di un bambino sperduto. L’aura dei cecchini è spenta come un mattino senza speranza. Grigia con sfumature più intense tendenti al bleu o viola. I buchi sono fori minuscoli e asimmetrici che dalla zona grigia corrono verso gli strati sottili intorno al corpo. Quando la coscienza si macchia, l’aura sbiadisce fino a scomparire.

Come le persone, anche i luoghi hanno una lora aura. Avvicinarsi al cuore di una città in guerra, significa saltare tra le dimensioni degli anelli di una spirale che si snoda tra i quartieri. Si poteva guardare da una certa distanza, Idlib. Entrarci era difficile. Da un tratto di strada lungo un uliveto, si potevano arrivare a vedere i carri armati sulla “corniche”, l’ultimo anello prima delle zone abitate intorno alla città vecchia. Le radici della rivolta nascevano nella medina. Il mio amico di Qurin, ventitre anni, padre da poco meno di un anno,  disertore dell’esercito, si rifiutò di accompagnarmi. Mi affidò a un essere particolare di un paese vicino. Era mattina. Tardi, le dieci e qualcosa. Parcheggiammo tra gli ulivi. Scesi dalla macchina, mi misi l’hijab. Montai  sulla motrice di un camioncino, aperto dietro, vuoto. Il tipo era castano chiaro tendente al rosso. Si muoveva con un’eleganza sottile e decisa. Gli occhi disprezzavano la vita ma erano immersi nell’emozione della lotta per la sopravvivenza. Aveva appena ammazzato quattordici persone. Con una k’mbala, una bomba fatta in casa ed esplosa in un preciso momento di qualche ora prima, mentre passava un pulmino. Pare fossero tutti shabiha. Due mesi prima un gruppo di shabiha, gli uomini del governo che agiscono in borghese, erano entrati a casa sua, avevano legato la moglie e sparato uno per uno ai loro sei figli. Qualche settimana dopo lei era di nuovo in cinta. Lui era incazzato come gli esseri dei cieli e non aveva ancora abbastanza da perdere. Disse che non ci sarebbe stato problema, ché mi avrebbe portata lui dentro Idlib.

La mattina in cui arrivai nella città vecchia, sentii gli occhi spalancarsi di stupore mentre osservavo le donne in burqa e tacchi alti camminare tra le pozzanghere del suq siriano. Immerse nel loro buio e tra i colori della vita. In un silenzio quasi assoluto. Erano mesi ormai che la gente viveva ogni istante del giorno e della notte pensando che presto qualcuno avrebbe dato l’ordine di attaccare. Dopo i primi bombardamenti che da circa sei mesi, con costanza, colpivano i palazzi più esposti della medina, gli abitanti iniziarono a pensare di doversi abituare ai boati, alle lacrime, alla paura. Piano piano la vita riprese a pulsare tra le vie del mercato in un brulicare di sussurri e figure danzanti nel silenzio dei rumori della guerra.

Sei giorni dopo, alle 4 di mattina del 10 marzo, il primo boato colpì un palazzo distante duecento metri circa. Stavo finendo di mangiare il terzo pacchetto di patatine. Feci finta di niente e scartai il dessert. La seconda esplosione fece tremare vetri e persiane mentre mangiavo la seconda barretta di Twix. Se avessi avuto altro cibo avrei continuato ad ingozzarmi senza percepire paura né sapore, intrappolata nell’appagante oblio della mia dipendenza. La gente iniziò ad urlare correndo in strada. Mi infilai le scarpe.

La città era sotto assedio, i carri armati stringevano le fila sulla “corniche”, la via principale che chiude la città in un anello di catrame. Da tre giorni provavamo ad uscire ma le strade si chiudevano una dopo l’altra, di ora in ora. I check point erano tanti e volanti. Sull’unico tratto percorribile per attraversare la corniche in macchina, erano stati eretti muri di terra. Quel giorno ero insieme a tre grandi persone, un fotografo, un cameraman e un siriano che spesso chiamo fratello. Volevamo uscire dalla città, non dalla Syria. Andare in una fattoria a un chilometro e mezzo da Idlib. In quei giorni, dentro l’anello di asfalto si viveva in una dimensione i cui ritmi della quotidianeità erano gestiti dal sentimento di paura in ogni sua sfumatura. Sapevamo che il regime stava preparando l’attacco. L’odore dell’adrenalina si infilava sottile tra i vestiti e i pensieri. Non si poteva uscire dalla medina. Né era possibile capire come e quando sarebbero iniziati i bombardamenti.

La notte di quello stesso giorno, scappando tra gli ulivi e i laser dei cecchini, promisi che se fossi uscita viva da tale situazione mi sarei seriamente occupata del mio vizietto. Non era la prima volta che mi veniva in mente di provare a rinunciare per sempre alla mia dipendenza. Ma fino ad allora non trovai il coraggio di promettere. A me stessa o a una qualche entità. Forse non avevo ancora capito chi fosse il mio Dio o probabilmente non lo stimavo abbastanza da comprendere quanto amassi la mia stessa vita. Questa volta mi resi conto di quanto vivere fosse tutto ciò che conta. Ero stata ferita. Avevo il detrito dell’esplosione di un mortaio, dentro. Al centro della linea alba che da sotto il seno si allunga fino allo stomaco. Bruciava. L’unico ospedale agibile era pieno di morti e feriti. Mi convinsero a farmi visitare, ma quando i dottori che conoscevo videro il foro e il sangue sulla maglietta, chiamarono una donna. Chiuse la porta sorridendo. Mi svestii. Prese un coltello e iniziò ad affondare nella ferita con la punta dello stesso. La fermai ringraziandola e dicendo che stavo bene, ché c’erano casi più urgenti da risolvere. Chiamò un dottore che arrivò con una siringa di antibiotico. Rifiutai anche quello, non sapevo cosa fosse e non volevo rischiare di perdere lucidità. Era appena mezzogiorno e i bombardamenti iniziati da poche ore soltanto. Quando uscii dall’ospedale “ridevo” pensando che l’unica cosa di cui avevo bisogno era una tavoletta di cioccolato turco ai pistacchi.

La bulimia è una prigione di strategie. Come la guerra, la cocaina, l’eroina, l’anoressia, le dipendenze. E’ un modo di vivere i cui picchi la mente cataloga come malattia. Una prigione di ossessioni che generano ansia e stati compulsivi non lucidi. Tali stati e sistemi mentali che ne mantengono l’equilibrio, si spalmano tra realtà e comportamenti quotidiani. Il bulimico deve riempire un vuoto che è assenza d’amore. Vuoto dato dalla mancanza di certezze. Insicurezza solitamente provocata dall’incostanza caratteriale di alcuni genitori ligi all’intenzione, non coerenti nell’azione. La polarità accentuata del comportamento di un genitore genera spesso disturbi nell’alimentazione dei figli. Il modo di mangiare, il rapporto con il cibo, riflette il comportamento applicato alla vita. Il bulimico è affamato di emozioni tanto quanto indifferente alle stesse, durante un attacco di fame.  Vuoto è mancanza di disciplina che un figlio interpreta come carenza di interesse da parte del genitore. Fame d’amore. La bulimia ti incastra la vita perchè spesso te la salva. E’ una dipendenza scatenata dal senso di torpore e astrazione che l’attacco di fame e conseguente stato di sospensione apatica, provocano. Gli stadi sono molteplici e variano a seconda di quanto ci si riesca ad amare in un dato periodo.

Ricordo perfettamente il giorno in cui scoprii il trucchetto. Ero a casa di un’amica che stimo e amo come una Sorella. Avevamo appena mangiato gli gnocchi alla romana, quelli di semolino, tondi, alti due, tre centimetri, coperti di burro e parmigiano a scaglie. Non ricordo perchè ma a un certo punto, la mia amica disse: “io quando ho mal di testa, vado in bagno e vomito. Mi viene naturale, mi piego, faccio un movimento con la gola e vomito”. Andai quasi subito a provare. Non mi sembrò difficile, ebbi immediatamente la sensazione di aver scoperto un modo di vivere congeniale. Avevo tredici o quattordici anni. Fisico muscoloso ma da qualche mese meno asciutto. Cominciò un’esistenza nuova e dettata dai ritmi cronici e compulsivi del disturbo. Durante gli attacchi di fame raggiungevo picchi di follia e astrazione totale. Ero in grado di mangiare e vomitare anche 30/50 volte al giorno, nei periodi peggiori. Divoravo decine di libri al mese su anoressia e bulimia, per carpirne trucchi e strategie. Fine anni ’90. Il momento più buio durò due anni. Tra i diciassette e i venti. Frequentavo una scuola di recupero per ragazzi deficienti. No, scherzo. Con tutto il rispetto ma è un dato di fatto l’aver perso troppo tempo tra dinamiche di ribellione inutili. Una piccola scuola di un grande paese. Eravamo una trentina. Ognuno di noi aveva un problema specifico i cui sintomi erano cronici e più o meno violenti. Tutti facevamo uso di sostanze. Da fumare, pippare, ingoiare o iniettare. E’ capitato che il preside ci chiamasse in segreteria per chiederci una botta di cocaina. Due amici sono morti per overdose da pasticche. La mia migliore amica era anoressica e satanista. Io ringrazio ancora il cielo di non essermi rifugiata in nessuna di tali dipendenze. Avevo la mia e le dedicavo il 90% dei pensieri. Un giorno mi venne offerta una polvere che credevo di aver gia provato. La sniffai per accasciarmi sul pavimento all’angolo della stanza centrale, comune alle aulee. Mentre non capivo di che viaggio si trattasse, i miei “amici” dissero che era eroina. La rivelazione provocò fortunatamente uno spavento tale, che mai una volta pensai di avvicinarmi a tale sostanza, ma credo che da quel genere di sistema mi salvò la bulimia. Ognuno ha la sua droga e quando pensi di non poterne uscire, stai scegliendo di perdere. La bulimia è una delle interpretazioni più estreme tra le polarità umane. Ti chiudi in un rapporto d’amore non lucido con il tuo cibo, perchè riempia i vuoti dell’anima. Ti svuoti per lo stesso identico motivo, perchè hai paura che il tuo corpo non susciti interesse, per non rimanere solo. Ogni volta che osservi il cibo cadere per vomito auto-indotto, l’aura sbiadisce. Si buca. Poco o tanto in relazione a quanto sei cosciente di ciò che fai. Nel bene e nel male.

I denti sono l’espressione più vera e ambigua del sintomo della bulimia. Le carie colpiscono colletti e radici. La loro forza è data dall’abbassamento del livello di produzione di saliva in bocca, dovuto a una iper produzione di acidi gastrici che al contempo corrodono lo smalto provocando piccole aperture sotto le gengive, dove si insinua la placca. La placca, quella specie di schiuma bianca che si forma dopo mangiato, è acida. Se non rimossa, diventa carie. La carie è un essere che produce escrementi non alcalini. Acidi. L’acidità di tali escrementi, nel soggetto bulimico, raggiunge livelli tali da dover ricorrere alla devitalizzazione, sostituzione o ricostruzione dei denti. In un individuo bulimico dall’età dell’adolescenza (Italia: 13 – 20 anni), i sintomi sui denti compaiono con violenza e diventano cronici, intorno ai trenta anni.

Quando sei piccolo ti senti invincibile. Le conseguenze delle tue scelte non sono importanti. La coscienza è giovane e spesso sceglie dinamiche di non percezione profonde e irreversibili. Meccanismi cerebrali aggrappati a strutture create per la dimensione materiale di un’epoca in cui le polarità caratteriali vengono smussate e controllate dal denaro che sostiene le case farmaceutiche. Da sostanze catalogate sotto la dicitura: “In prova. Sintomi variabili non confermati”. Improvvisamente non puoi far altro che accettare le conseguenze della tua indifferenza.

Inoltre. L’acido prodotto dalla sovrastimolazione delle ghiandole che fanno da ponte tra stomaco ed esofago, alza il livello del ph nel corpo. Le cellule del cancro sono caratterizzate dal livello di acidità presente. Quando una cellula non è alcalina, è acida e si trasforma in tumore. La quantità di acido prodotto da un essere bulimico puo generare tumori a stomaco, esofago e fegato.

Chi è bulimico è anche anoressico. Gli anoressici sono talvolta bulimici. L’anoressico non vuole percepire. La trasparenza cui anela è un urlo di dolore spietato e punitivo. L’anoressia non lascia spazio ai dubbi. L’anoressico lo riconosci. Come l’eroinomane. Scelte di vita radicali che non ti volterai a guardare. La bulimia invece è falsa e bastarda come la cocaina. Sistemi mentali che regolano ritmi di perfezione apparente. I bulimici e i cocainomani ricorrono alla menzogna più di chi sceglie altri sistemi di dipendenza, perchè il loro ego si nutre del contorno che lo identifica.

La bulimia, come tutte le dipendenze, non è una malattia, ma un modo di essere. Per quanto inconsapevole tu sia, la tua coscienza sta scegliendo quel preciso disturbo che trasformerà in un rifugio segreto in cui annegare la percezione dell’assenza d’amore e relative sfumature.

La guerra ti illude di guarire dalla dipendenza. Come la scelta graduale e spasmodica di sport sempre più estremi. Emozioni ricercate dall’ego per sostituire le dinamiche che portano alla volontà di riempire un vuoto, cedendo alle manipolazioni di un disturbo cronico.

Credere di poter gestire una dipendenza attraverso  la naturale produzione di adrenalina, è come essere convinti che la stessa dipendenza sia un’inguaribile malattia. Entrambi gli estremi giocano il medesimo ruolo. Allontanare l’ego dalla percezione dell’io, attraverso l’esaltazione delle polarità che si nutrono in realtà di illusioni.

Fermati. Osserva. Ascolta.

Accetta ogni pensiero, soprattutto il più mediocre. La percezione è una dimensione che si costruisce attraverso l’ammissione delle proprie debolezze. Fregatene del giudizio altrui. Il tuo corpo presto o tardi, morirà comunque. E’ alla tua anima che dovrai render conto, il corpo serve a questo. Ascolta il respiro del vento, il sangue che ti scalda le vene. Osserva la paura del dolore. Non ti interessa? Non sentirti in colpa. Scegli di non percepire e le illusioni porteranno il tuo corpo nello stesso punto di chi percepisce. L’anima non avrà più tempo di connettersi ai mondi in cui gli esseri volano e si nutrono di luce, ma non importa. Avrà altre vite per capire che la percezione del corpo nella gioia e nel dolore, sono la stessa cosa e l’unica via perchè la Libertà non sia illusione.