NUR

Ottavia Massimo © all rights reserved


1 Comment

THE OPTICAL WORLD AND THE HYPER PRODUCTION OF DRUGS BY NOSE

ITALIAN – http://ottaviamassimo.com/2010/08/05/il-mondo-ottico-e-liper-produzione-di-droghe-da-naso/

Among the substances placed on the market, there is a hyper-production of drugs for the respiratory system.

The evolution of human beings and consequential levels of adaptation, has generated masses of people more and more similar to each other. The close contact has resulted in conscious and unconscious levels of competition for which it was necessary a transformation of the concept of time and sensory perceptions related to survival. Listening to their own and others’ feelings, has reached levels of learning fundamentally linked to the image. The run-time is warped in the creation of a world almost exclusively optical. The first sensory organ to suffer is the olfactory apparatus. The first to develop and the only one able to transmit to the conscious direct sensations, not influenced by the brain.

Your genius is in your nostrils – Nietzsche

Conscience, the sense of smell, the fear of living.

Over the past three years, the percentage of people who require surgery on their nose for problems related to substance use, has grown by 18%. Dust. Grains of microparticles created in the laboratory and almost totally synthetic. Convicted and raised to queens of nights and working afternoons. Odorless. Usually white. Seemingly harmless because psychologically, to white our unconscious associates Good. Invisible. Any substance or chemical has its own natural and ideal mode of application. There are three main ways. Veins. Mouth. Nose. Substances that tells the current fashion, are chemically designed to be taken through the respiratory tract. What are cocaine, heroin, ketamine or dust from the encoded names, when the brain is programmed to take drugs, the first step is usually the nose. Even products designed to be taken orally: pills, medicines, sleeping pills or stimulants, are often powdered and used in the nostrils.

Why? We wonder what we constantly stuck in our nose, when the question we must ask should be: which kind of instrument we are using to deal with the substances we choose?

At a time when the evolution of thoughts and consequent actions, occurs at a rate controlled primarily by the image, is now only in the ability to appear that we keep pace with the times. The drugs for the nose are almost invisible. The act of sniffing is fast, lightning, flash. The effect is immediate. The evolution of humanity has created groups of individuals in close contact with each other. The growing confusion on the population density in some areas of the world, has generated swirling rhythms of life, reduced to being the time listening to the sensory perceptions. The first to suffer is the olfactory apparatus.

Of the five senses, smell is the only one to suffer immediate temporal chenges. The smell is different from the other senses because it gets tired quickly. If we look at  an image for a long time, we continue to see it. If we touch a surface for a long time, we continue to hear if it is smooth or rough. If we eat much sugary food, its essential sweetness will not decrease. If there are noise and we do not change our position, we continue to hear them. But when we persist in smelling something, after a while we do not perceive the smell. We get used to the smell. This adaptability combined with the ease of plastic surgery used to satisfy visual perception by improving the image, led us unconsciously to consider the olfactory apparatus as merely an instrument related to visual pleasure. Cosmetic damage caused by the misuse of our nose, is nothing compared to the chronic and systematic destruction related to the use of a substance intended for a system in place for different purposes and fundamental to the body’s survival and the gradual awareness of consciousness.

Of any kind, dust released in the respiratory ways, attacks the nostrils’ mucous membranes to nasal septum perforation. In nature there are no substances that are born and grow to be treated through the nose. The smell in our nostrils comes in a volatile and gradual form from the cell recipients placed in and under the epithelium, a tissue that extends deep into the cavity nose, are retained and selected. Smell is the sense that sends the strongest signals related to danger, survival and reproduction to the brain. In the evolutionary scale, the olfactory system is the oldest  sensory organ. It’s the first sense to develop in a newborn child. Smell brings the infant to the mother’s womb and triggers the instinct to suck. If the mother does not have the right scent, the breast may be rejected during breastfeeding and consequently difficulties in establishing the link between the two. The nose’s mucous membranes are the reflex zones of the reproductive organs. Each nostril is a reflection of the area through which you enter directly in contact with the sexual and the adrenal gland’s endocrine system. There are seven endocrine glands and each one is scientifically associated with human beings’ main nerve centers. Every nerve center is an asset in which particles of energy flow. In traditional indian physiology, these points are called Chakras – sanskrit: wheel, plexus, vortex. From the systemic point of view the chakra is a vital function of a living system, structured in levels. The system is a set of entities related to each other through reciprocal relations visible or defined by their observer. The characteristic of a system is the overall balance that is created between the individual parts that constitute it.

Everyone has his own Art of the Spirit, whose completeness and perfection depend on the activation and spiritual evolution of the etheric particles of our physical body.

The body is a coordinated system of energy fields consisting of ethereal particles, tiny entities that when activated, transmit and emit energy vibrations and waves of more or less strength. Each point of energy or chakra, refers to a particular field of sensory and extrasensory perceptions. Chakras are points of connection between a body and another inside a human being. Each chakra is an aspect of consciousness, a sphere of energy that interacts with the physical body through the two channels of the nervous and endocrine systems. Consciousness is all that you can experience. Perceptions, senses, mental processes, ways of being, occurring within consciousness. It is an energy system made of different density and energy levels in a state of flux and movement. When energy flows freely between chakras, you can experience wholeness. When it crashes, you feel the tension that manifests as a symptom. The flow of energy into consciousness is determined by chakras. When a human being reaches maturity, chakras are developed and each represents the psychological patterns that are evolving in an individual’s life. One usually reacts to unpleasant experiences by blocking feeling and thereby preventing a large part of our natural energy flowing. Underdeveloped  chakras send a faint light, and their ethereal particles move slowly, forming just enough of a vortex  for the transmission of force and nothing more; in individuals more consciously developed, chakras pulsate and shine bright light, like little suns . Their size ranges from five to fifteen centimeters in diameter. In infants they are made up of small circles, as wide as a bronze coin, hard disks that move and are just slightly brighter.  There are seven chakras. The first five are directly tied to the five senses. The sixth and seventh chakra perceive extra-sensory emotions. What is recognized as the first chakra is called Muladhara, chakra of the Earth, from the two sanskrit words Mula (root) and Addhara (support, base). Situated in the coccygeal area of the sacred plexus, precisely between the genitals organs and the anal orifice, represents our roots and connection to traditional family beliefs that are  formation’s basic sense of identity and belonging to a group of people in a given place. The Muladhara is the transcendental basis of all that exists in nature and is home to vital life energy called Kundalini Shakti. Represented in the East by a snake, Kundalini Shakti resides in the first chakra and through the activation energy of the same, he wakes up rising up the spine from the sacrum, through all the chakras to the seventh, the “Sahasrara “, chakra of empathy. Purple and situated on the top of the head, the seventh chakra relates to the inner light, thought and corresponds to the pineal gland.

From Muladhara (I chakra), the Sahasrara (seventh chakra), develop the Svadhistana, chakra of water and sensuous sweetness, orange, linked to the sense of taste and place up to the belly; the Manipura, chakra of fire and power, yellow, tied to view and seat height of the solar plexus; the Anhahata, chakra of the air and love, green, tied to the touch and situated at the heart; Vishuddha, chakra throat and abundance, blue, related hearing, placed at the base of the throat; Ajna, chakra of awareness or third eye, indigo, located between the eyes, at the height of the forehead and tied to extra-sensory perceptions.

The first chakra, Muladhara, chakra of the Earth or the sacred tree of life is the energy center sensory related to smell. The only one of the five anatomical senses, to send information directly to the cerebral cortex without passing an essential structure of our brain system: the thalamus. Thalamus is the guardian of our brain. Located below the cerebral cortex, it selects all the impulses from the receptors belonging to four of the five senses: sight, hearing, touch and taste, and then transmit them to the cerebral cortex so that the person is aware. The thalamus learns from every experience. The smell is beyond the thalamus control and the alter ego. Information from smells goes directly to the limbic system and from there to the cerebral cortex. So it is the only physical sense that can not be affected during the learning process of the data coming from the outside.

The olfactory information transmitted from the apparatus directly to the limbic system, reaches the pineal gland. The pineal gland or brain’s shaman, governs the central nervous system. It’s a small organ located in the midbrain that transforms and transmits. Through receptor’s perception located in the retina of the eye, this gland produces the hormones serotonin and melatonin. Light creates serotonin’s production. The absence of light begins to produce melatonin most likely while the body is asleep . After about four hours of sleep we enter the deep phase in which lucid dreaming occurs. The lucid dream is only possible if the pineal gland has sufficient time to make melatonin in pinealina. The pinealina is a hallucinogenic substance that the unconscious uses to allow the brain to communicate with the deeper spheres. Distributed throughout the cerebral cortex while sleeping, active neurons operate in a reverse process, allowing the subconscious mind to speak to the conscious mind. This opens the door to the subconscious, allowing body experiences, prophetic visions in the timeline and higher levels of awareness. Before awakening and returning to the body, pinealina is naturally reabsorbed. The pineal gland, is the seventh chakra, the Sahasrara chakra and allows the connection of empathy with all endocrine and exocrine glands that secrete chemicals into the body, generating the sensations and emotions felt.

The first chakra, chakra of smell, corresponds to the endocrine adrenal glands. Those glands that secrete adrenaline, the hormone that activates when we feel threatened. The element connected to the first chakra is the Earth and essentially symbolizes the relationship of the person with his roots and sense of belonging to a particular place and context. In consciousness, the Muladhara is associated with the amount of physical energy and the will to live in physical reality. Concerning the areas of safety, survival, material existence and monetary, feeling safe and secure. It is the survival instinct, the ability to feel at home and being present in the here and now. Of the seven chakras, is the denser vortex, the subject and represents beginning, birth, origin.

The lack of balance in the first chakra, manifests in form of tension, anxiety, fear. Depending on the level of fear felt, the adrenal glands secrete varying amounts of adrenaline. When fear is not sensed and resolved on an emotional level, the unconscious panic attacks happen and therefore the alarm message is not caught, it is transferred and transformed into disease characteristics of the system to make the basal chakra malfunction. Anxiety, panic attacks, arthritis, osteoporosis, lymphoma, cystitis, colds, sinusitis, anosmia (loss of smell), prostate and body parts are controlled by the sacral plexus (Muladhara / chakra baseline) such as the: legs, knees, feet, kidneys, urethras bladder and nose. In varying degrees of intensity, blocking the first chakra is synonymous with fear. In today’s society, not only is it unseemly to feel it, but it is certainly externally needed. We have learned to mask it, using instruments linked increasingly to image and image removal perception. Creating a mainly optical world, erases the perception of pain and the subsequent play of sensory stimuli.

Fear is the feeling that saves our lives. The body is programmed to feel fear, pain and pleasure. Facing fear is the way to solve the pain and we remember it to reach a higher level of consciousness. We store it to learn how to distinguish and thus avoid a particular source of suffering. Regardless of the chemical composition of substances that we devote to the nose, their first action is to anesthetize and gradually destroy the body’s receptors in the nasal septum. Doing so damages the proper functioning of the adrenal glands, releases adrenaline, the hormone that allows us to promptly address the danger. The direct transmission of the olfactory cortex, also affects the pineal gland, creating dysfunction between the rhythms that regulate sleep, waking and subsequent pinealina secretion. Breathing is the starting point in the evolution of every living being. The base from which physical and cognitive paths are developed. We are atrophying the sense of smell because it is the only one to provide immediate feelings and is not misleading. Smell is the sense that evokes the deepest emotions unleashed by memories. Courage to remember is the basic principle  by which consciousness activates. By canceling smell’s perception, we anesthetize memory and inhibit conscience. We prohibit the brain from learning and memorizing. Which we need to feel pain and to grow. We sniff for fear of remembering. As communication tools in use today, primarily through images and thoughts, act by manipulating mass consciousness, drugs and substances present, as well as drugs such as psychiatric drugs, are essentially aimed to flatten emotions in the perception of suffering and insidiously spread among those who are afraid to face pain.

Ottavia Massimo

SOURCES

– University of Rome Tor Vergata

– J. V. (Ed.) Primary cosmetic surgeon – Hospital Osvaldo Cruz, Sao Paulo – Brazil

– Experiments in the perception during the consumption of psychoactive substances of natural origin

– Experiments in the perception during the consumption of psychoactive substances chemically synthesized

– Studies on samples of individuals between thirteen and sixty years,in relation to use of substances taken through the nose and related behaviors

– Study of the perception and the environment in relation to meditative paths in Thailand, Burma, Shry Lanka, India.

Advertisements


10 Comments

Il mondo ottico e l’iper produzione di droghe da naso

ENGLISH – http://ottaviamassimo.com/2010/08/06/the-optical-world-and-the-hyper-production-of-drugs-by-nose/

 

http://www.Dillinger.it – 21 Maggio 2010                                                                                                 di Ottavia Massimo

Tra le sostanze immesse sul mercato, vi è un’iper-produzione di droghe destinate alle vie respiratorie. L’evoluzione dell’essere umano e conseguenziali livelli di adattamento, hanno generato masse di individui sempre più simili tra loro. Il contatto ravvicinato ha prodotto livelli di competizione conscia ed inconscia per cui si è resa necessaria una trasformazione del concetto di tempo e delle percezioni sensoriali legate alla sopravvivenza. L’ascolto delle proprie ed altrui sensazioni, ha raggiunto livelli di apprendimento fondamentalmente legati all’immagine. La rincorsa al tempo è degenerata nella creazione di un mondo quasi esclusivamente ottico. Il primo organo sensoriale a subirne le conseguenze è l’apparato         olfattivo. Il primo a svilupparsi e l’unico in grado di trasmettere alla coscienza sensazioni dirette e non condizionate dal cervello.

Il tuo genio è nelle tue narici – Nietzsche

LA COSCIENZA, L’ OLFATTO E LA PAURA DI VIVERE

Negli ultimi tre anni, la percentuale di persone che richiedono un intervento chirurgico al naso per problemi legati all’uso di sostanze è cresciuta del 18%. Polveri. Granelli di microparticelle create in laboratorio e ormai quasi totalmente sintetiche. Condannate ed innalzate a regine di nottate e pomeriggi lavorativi. Inodori. Generalmente bianche. Apparentemente innocue perché al bianco psicologicamente, il nostro inconscio associa il bene. Invisibili. Ogni sostanza chimica o naturale possiede una propria ed ideale modalità di assunzione. Tre le vie principali. Vene. Bocca. Naso. Le sostanze che la moda attuale racconta, sono chimicamente create per essere assunte attraverso le vie respiratorie. Che siano coca, eroina, ketamina o polveri dai nomi codificati, quando il cervello è programmato per drogarsi, la prima tappa è generalmente il naso. Anche i prodotti creati per esser assunti oralmente: pillole, medicinali, sonniferi o eccitanti, vengono spesso polverizzati e destinati alle narici.

Perché? Ci chiediamo continuamente cosa ci infiliamo nel naso, quando la domanda da porci dovrebbe essere: quale strumento stiamo utilizzando per assumere le sostanze che scegliamo?

In un’epoca in cui l’evoluzione dei pensieri ed azioni conseguenti, avviene ad una velocità controllabile essenzialmente attraverso l’ immagine, è ormai soltanto nella capacità di apparire che riusciamo a stare al passo con i tempi. Le droghe da naso sono quasi invisibili. Il gesto dello sniffare è veloce, fulmineo, istantaneo. L’effetto immediato. L’evoluzione dell’essere umano ha generato nuclei di individui a stretto contatto tra loro. La confusione crescente data dalla densità demografica di alcune zone del mondo, ha generato ritmi di vita vorticosi, sottraendo all’essere il tempo necessario all’ascolto delle percezioni sensoriali. Il primo a subirne le conseguenze è l’apparato olfattivo. Dei cinque sensi, l’olfatto è l’unico a subire cambiamenti temporali immediati. L’olfatto si differenzia dagli altri sensi perchè si stanca in fretta. Se guardiamo a lungo un’immagine, continuiamo a vederla. Se a lungo tocchiamo una superficie, continuiamo a sentire se è liscia o ruvida. Se mangiamo cibo molto zuccherato, la sua dolcezza essenziale non diminuirà. Se vi sono dei rumori e non cambiamo posizione, continueremo a sentirli. Quando invece persistiamo nell’annusare una cosa, dopo un po non ne percepiremo più l’odore. L’olfatto si abitua. Questa capacità di adattamento unita alla facilità con cui si effettuano operazioni estetiche atte all’appagamento della percezione visiva nel perfezionamento dell’immagine, ci ha portati inconsciamente a considerare l’apparato olfattivo un mero strumento legato al piacere visivo. I danni estetici provocati dall’uso errato che del nostro naso facciamo, nulla sono in confronto alla distruzione cronica e sistematica legata all’uso di sostanze destinate ad un apparato esistente per scopi diversi e fondamentali alla sopravvivenza del corpo e graduale consapevolezza della coscienza.

Le polveri immesse nelle vie respiratorie, di qualsiasi genere siano, attaccano le mucose delle narici fino alla perforazione del setto nasale. In natura non esistono sostanze nate e cresciute per esser assimilate attraverso il naso; ma odori che nelle narici entrano in forma volatile e gradualmente, dalle cellule ricettrici poste dentro e sotto l’epitelio, un tessuto che si estende in profondità all’interno delle cavità nasali, vengono trattenuti e selezionati. L’olfatto è il senso che al cervello trasmette i segnali più forti legati al pericolo, alla sopravvivenza ed alla riproduzione. Nella scala evolutiva, l’apparato olfattivo rappresenta l’organo sensoriale più antico. E’ il primo senso a svilupparsi in un bambino appena nato. L’odorato porta il neonato al seno della madre e fa scattare l’istinto di succhiare. Se la madre non ha il giusto odore, il seno potrà esser rifiutato con conseguenti difficoltà nell’allattamento e nella creazione del legame tra i due. Nelle mucose del naso si trovano le zone di riflesso degli organi di riproduzione. Ogni narice è una zona di riflesso attraverso la quale si entra direttamente in contatto con la sfera sessuale e con il sistema endocrino delle ghiandole surrenali. Le ghiandole endocrine sono sette e ad ognuna sono scientificamente associati i principali centri nervosi dell’ essere umano. Ogni centro nervoso costituisce un punto di forza all’interno del quale fluiscono particelle di energia. Nella fisiologia tradizionale indiana, detti punti si chiamano Chakra, dal sanscrito: ruota, plesso, vortice. Dal punto di vista sistemico il chakra rappresenta una funzione vitale di un sistema vivente, strutturato su livelli. Il sistema è un insieme di entità connesse tra loro tramite reciproche relazioni visibili o definite dal suo osservatore. La caratteristica di un sistema è l’equilibrio complessivo che si crea tra le singole parti che lo costituiscono.

Ognuno ha una propria Arte dello Spirito, la cui completezza e perfezione dipendono dall’evoluzione spirituale e dall’attivazione delle particelle eteriche del nostro corpo fisico.

Il corpo è un sistema coordinato da campi d’energia costituiti da particelle eteriche, entità minuscole che quando attivate, emanano e trasmettono vibrazioni ed onde d’energia più o meno forti. Ogni punto energetico o chakra, si riferisce ad un particolare settore di percezioni sensoriali ed extrasensoriali. I chakra sono punti di connessione tra un corpo e l’ altro all’interno dell’essere umano. Ogni chakra è un aspetto della coscienza, una sfera di energia che interagisce con il corpo fisico attraverso i due canali dei sistemi endocrino e nervoso. La coscienza rappresenta tutto ciò che si può sperimentare. Le percezioni, i sensi, i processi mentali, i modi di essere, si verificano all’interno della coscienza. E’ un sistema energetico formato da diverse densità e livelli di energia in stato di flusso, di movimento. Quando l’energia fluisce liberamente tra tutti i chakra, si fa l’esperienza dell’ interezza. Quando si blocca, si prova tensione che si manifesta sotto forma di sintomo. Il fluire dell’energia nella coscienza è determinato dallo stato dei chakra. Quando l’essere umano matura, i chakra si sviluppano e ciascuno rappresenta gli schemi psicologici che stanno evolvendosi nella vita dell’individuo. Solitamente si reagisce alle esperienze spiacevoli, bloccando il sentimento e impedendo così ad una gran parte della nostra energia naturale di fluire. I chakra poco sviluppati mandano una luce debole e le loro particelle eteriche si muovono lentamente, formando un vortice appena sufficiente per la trasmissione della forza e niente di più; negli individui consapevolmente più sviluppati, i chakra pulsano e brillano di luce viva, come piccoli soli. La loro dimensione varia da cinque a quindici centimetri di diametro. Nei neonati essi sono costituiti da piccoli circoli, larghi quanto una moneta di bronzo, dischetti duri che si muovono appena e sono debolmente luminosi. I chakra sono sette. I primi cinque direttamente legati ai cinque sensi. Il VI e VII chakra percepiscono invece, emozioni extra-sensoriali. Quello che viene riconosciuto come primo chakra è detto Muladhara, chakra della Terra, dalle due parole sanscrite Mula: radice e Addhara: supporto, base. Posto nella zona coccigea del plesso sacro, precisamente tra gli organi genitali e l’orifizio anale, rappresenta le nostre radici e la connessione con le credenze familiari tradizionali, che sono alla base del processo di formazione del senso di identità e di appartenenza ad un gruppo di persone in un dato luogo. Il Muladhara è la base trascendentale di tutto ciò che esiste in natura ed è la dimora dell’energia vitale fondamentale chiamata Kundalini Shakti. Rappresentata in oriente da un serpente, la Kundalini Shakti risiede nel primo chakra e attraverso l’attivazione dell’energia dello stesso, si risveglia per risalire lungo la spina dorsale, dall’osso sacro, attraversando tutti i chakra fino al VII, il “Sahasrara”, il chakra dell’ empatia. Color porpora e posto sulla sommità del capo, il VII chakra si riferisce alla luce interiore, al pensiero e corrisponde alla ghiandola pineale.

Dal Muladhara (I chakra), al Sahasrara (VII chakra), si sviluppano lo Svadhistana, il chakra dell’acqua e della dolcezza sensuale, di colore arancione, legato al senso del gusto e posto all’altezza del ventre; il Manipura, chakra del fuoco e del potere, giallo, legato alla vista e posto all’ altezza del plesso solare; l’ Anhahata, chakra dell’aria e dell’amore, verde, legato al tatto e situato all’altezza del cuore; Vishuddha, chakra della gola e dell’abbondanza, azzurro, legato all’udito e situato alla base della gola; Ajna, chakra della consapevolezza o III occhio, color indaco, situato tra gli occhi, all’altezza della fronte e legato alle percezioni extra-sensoriali.

Il primo chakra, Muladhara, chakra della Terra o Albero sacro della vita è il centro energetico sensorialmente legato all’olfatto. L’unico dei cinque sensi anatomici ad inviare informazioni direttamente alla corteccia cerebrale, senza passare per una struttura essenziale del nostro sistema cerebrale: il talamo. Il talamo è il guardiano del nostro cervello. Situato sotto la corteccia cerebrale, seleziona tutti gli impulsi provenienti dai recettori appartenenti a quattro dei cinque sensi: vista, udito, tatto e gusto, per poi trasmetterli alla corteccia cerebrale affinché la persona ne sia consapevole. Il talamo impara da ogni esperienza. L’olfatto sfugge al controllo del talamo e quindi all’ego alterato. Le informazioni provenienti dall’olfatto arrivano direttamente al sistema limbico e da qui alla corteccia cerebrale. E’ quindi l’unico senso fisico non condizionabile nel processo di apprendimento dei dati provenienti dall’esterno.

Le informazioni trasmesse dall’apparato olfattivo direttamente al sistema limbico, giungono alla ghiandola pineale. La ghiandola pineale o “sciamano del cervello”, governa il sistema nervoso centrale. E’ un piccolo organo situato nel cervello medio che trasforma e trasmette. Attraverso la percezione dei recettori presenti nella retina dell’occhio, tale ghiandola produce gli ormoni della serotonina e della melatonina. La luce crea produzione di serotonina. L’assenza di luce dà inizio alla produzione di melatonina atta all’assopimento del corpo. Dopo circa quattro ore di sonno si entra nella fase profonda in cui avvengono i sogni lucidi. Il sogno lucido è possibile solo se la ghiandola pineale possiede tempo sufficiente per trasformare la melatonina in pinealina. La pinealina è una sostanza allucinogena che l’inconscio usa per permettere al cervello di comunicare con le sfere più profonde. Distribuita in tutta la corteccia cerebrale che dorme, attiva un processo inverso nei neuroni, permettendo alla mente subconscia di parlare alla mente consapevole. Apre le porte al subconscio permettendo esperienze extracorporee, visioni profetiche sulla linea del tempo e livelli superiori di consapevolezza. Prima del risveglio e ritorno al corpo, la pinealina viene naturalmente riassorbita. La ghiandola pineale, corrisponde al VII chakra, il Sahasrara, il chakra dell’empatia e permette il collegamento con tutte le ghiandole endocrine ed esocrine che nel corpo secernono le sostanze chimiche generanti le sensazioni ed emozioni percepite.

Il primo chakra, il chakra dell’olfatto, corrisponde alle ghiandole endocrine surrenali. Quelle che secernono adrenalina, l’ormone che si attiva quando ci sentiamo minacciati. L’elemento connesso al primo chakra è la Terra ed essenzialmente simboleggia la relazione della persona con le sue radici ed il senso di appartenenza ad un dato luogo e contesto. Nella coscienza, il Muladhara è associato alla quantità di energia fisica ed alla volontà di vivere nella realtà fisica. Riguarda le aree della sicurezza, della sopravvivenza, l’esistenza materiale e monetaria, il sentirsi salvi ed al sicuro. E’ l’istinto di sopravvivenza, la capacità di sentirsi a casa e l’essere presenti nel qui ed ora. E’ dei sette chakra, il vortice più denso, costituisce la materia e rappresenta l’inizio, la nascita, l’origine.

La mancanza di equilibrio nel primo chakra si manifesta sottoforma di tensione, ansia, paura. A seconda del livello di timore provato, le ghiandole surrenali secernono una quantità variabile di adrenalina. Quando la paura non è ascoltata e risolta a livello emozionale, l’inconscio la trasforma in attacchi di panico e conseguentemente il messaggio di allarme non colto, viene trasferito e trasformato in patologie caratteristiche del malfunzionamento del sistema del chakra basale. Ansie, attacchi di panico, artriti, osteoporosi, linfomi, cistiti, raffreddore, sinusite, anosmia (perdita dell’olfatto), prostata e parti del corpo controllate dal plesso sacrale (Muladhara/chakra basale): gambe, ginocchia, piedi, reni, ureteri, vescica. Naso. In diversi gradi di intensità, il blocco al primo chakra è sinonimo di paura. Nella società attuale, non solo è disdicevole provarla, ma soprattutto non bisogna esternarla mai. Abbiamo imparato a mascherarla usando strumenti legati sempre più all’immagine e all’allontanamento della percezione. Creando un mondo prevalentemente ottico, annulliamo la percezione del dolore ed il conseguente ascolto degli stimoli sensoriali.

La paura è il sentimento che ci salva la vita. Il corpo è programmato per provare paura, dolore e piacere. Affrontare la paura significa risolvere il dolore e ricordarlo per giungere ad un livello superiore della coscienza. Memorizzarlo per imparare a distinguerlo e conseguentemente evitare una data fonte di sofferenza. A prescindere dalla composizione chimica propria delle sostanze che al naso destiniamo, la loro prima azione è quella di anestetizzare e gradualmente annientare gli organi recettori presenti all’interno del setto nasale. Così facendo viene danneggiato il funzionamento delle ghiandole surrenali nella corretta emissione di adrenalina, l’ormone che ci permette di fronteggiare tempestivamente le situazioni di pericolo. La trasmissione diretta delle percezioni olfattive alla corteccia cerebrale, intacca anche la ghiandola pineale, creando disfunzioni tra i ritmi che regolano il sonno, la veglia e conseguente secrezione di pinealina. La respirazione è il punto di partenza nell’evoluzione di ogni essere vivente. La base da cui, processi fisici e percorsi cognitivi, si sviluppano. Stiamo atrofizzando la percezione olfattiva perchè è l’unica a fornirci sensazioni immediate e non ingannevoli. L’olfatto è il senso che evoca le emozioni più profonde scatenate dai ricordi. Il coraggio di ricordare è il principio fondamentale per cui la coscienza diventa consapevole. Annullando le percezioni olfattive, anestetizziamo la memoria. Inibiamo la coscienza. Vietiamo al cervello di apprendere e memorizzare. Quindi di provare dolore. Quindi di crescere. Sniffiamo per paura di ricordare. Come gli strumenti di comunicazione oggi in uso, soprattutto attraverso le immagini, agiscono manipolando i pensieri e quindi la coscienza delle masse, droghe e sostanze attuali, come anche ad esempio gli psico-farmaci, mirano essenzialmente all’appiattimento delle emozioni nella percezione della sofferenza e subdolamente si diffondono tra chi ha paura di affrontare il dolore.

Ottavia Massimo


FONTI

– Università degli studi di Roma Tor Vergata

– J. V. (ndr) Chirurgo estetico primario – Ospedale Osvaldo Cruz, Sao Paulo – Brazil

– Esperimenti nella percezione durante l’ assunzione di sostanze psicoattive di origine naturale

– Esperimenti nella percezione durante l’ assunzione di sostanze psicoattive chimicamente sintetizzate

– Studi su campioni di individui tra i tredici ed i sessanta anni, in relazione all’ uso di sostanze assunte attraverso il naso e relativi comportamenti

– Studio della percezione e del contesto ambientale, in relazione a percorsi meditativi in Thailandia, Birmania, Shry Lanka e India.



1 Comment

Denaro e cocaina: eroi del millennio o re degli schiavi?

Trasversali alle generazioni nel tempo e nello spazio, sembrano esser loro gli eroi della nostra era. Stanno conquistando il mondo. E lo spirito. Le Nazioni Unite dichiarano seicentoquarantanove tonnellate di cocaina prodotte all’anno dalla Colombia. Ottocento in realtà, le tonnellate immesse mensilmente sul mercato internazionale. La cocaina è attualmente lo strumento più potente del capitalismo moderno. L’offerta è altissima. La domanda incalcolabile. Perchè proprio lei scegliamo. Perchè ci stiamo facendo scegliere.

Dove sono finiti gli eroi? Quelli che nel nostro immaginario son sempre stati guerrieri della luce e cavalieri del buio? Ve ne furono e non pochi continuano a vivere nella memoria e nelle testimonianze a loro legate. Mandela, Gandhi, Wojtyla, Che Guevara, Fallaci e molti altri. Individui che hanno lottato per le proprie idee a prescindere dal giudizio comune. Dove sono? Pare non ci siano più. Perchè? Perchè non li percepiamo. Non li riconosciamo. Non li ascoltiamo. L’eroe dei nostri tempi è il denaro e coloro che l’ essenza ne rappresentano: l’apparenza. L’eroe, il valore di una persona a cui ambire, non è più l’individuo che per i suoi ideali combatte e per salvare il mondo muore. Le persone da imitare oggi, sono quelle che la propria ricchezza ostentano e, attraverso la stessa, di potere si nutrono e lo stesso manipolano. Il successo dato dal potere economico, si avvale di strumenti che ne costruiscono un’immagine ben precisa, definendo gradualmente un esempio da seguire. E mentre qualcuno si batte per l’umanità, non ottenendo altro che indifferenza o disonore, i signori del mondo, la loro fama accrescono attraverso generazioni che giorno dopo giorno dal loro esempio imparano e le loro vite simulano. Quale il fine? La ricchezza. Gli strumenti del dio consumismo sono infiniti. Psicologi, hashish, eroina, psicofarmaci, internet. Dalle droghe agli hobby, tutto sembra mutare in dipendenza e pare tendersi verso un’indifferenza profonda e sempre meno sensibile. Il consumo di un prodotto dipende dalla domanda per cui il prezzo dell’offerta si adegua, generando tra compratore e venditore un legame di tipo compulsivo ed irrinunciabile. Le etnie del mondo intero, si stanno sciogliendo in un sistema globale dominato dal dio denaro. L’eroismo del dio denaro stà nel cogliere lo strumento più efficace e utilizzarlo in maniera trasversale. Analizzando la struttura della società in cui applicarlo, attraverso la stimolazione del senso di desiderio di ogni singolo individuo a comporre la massa. Il prezzo di un’emozione è spesso la dipendenza. E’ così che dopo l’America, la cocaina stà devastando l’ Europa.

OEDT – Osservatorio Europeo Droghe e Tossicodipendenze
Rapporto presentato a Bruxelles – Anno 2009

Non vi sono segnali di miglioramento per quanto riguarda il consumo europeo di cocaina ed eroina, le due sostanze che rimangono al centro del fenomeno della droga in Europa. La poliassunzione costituisce un altro aspetto notevolmente problematico, in presenza di una gamma sempre più ampia di sostanze disponibili e di modalità sempre più complesse di assunzione di stupefacenti.

La cocaina rimane il più popolare stimolante in Europa e si segnalano nuovi aumenti. Tredici milioni gli europei tra i 15 ed i 64 anni. Di questi, 7,5 milioni sono giovani tra i 15 e i 34 anni di età. Tre milioni dei quali l’hanno usata nell’ultimo anno. Il consumo di cocaina nell’Unione Europea resta concentrato nei paesi occidentali, mentre rimane basso in altre parti d’Europa. Nei paesi a più elevata prevalenza (Danimarca, Spagna, Irlanda, Italia e Regno Unito), i dati affermano che nell’ultimo anno l’uso tra i giovani si è attestato tra il 3,1% e il 5,5%. Nella maggior parte dei paesi partecipanti all’indagine, i dati evidenziano una tendenza alla stabilizzazione o all’aumento dell’ uso nel gruppo di età tra i 15 ed i 34 anni. Nel 2007 il numero di sequestri di cocaina in Europa ha raggiunto quota 92.000 (84 000 nel 2006), benché il quantitativo complessivo recuperato si sia ridotto a 77 tonnellate (rispetto a 121 tonnellate nel 2006). Tra i pazienti che entrano per la prima volta in terapia per la disintossicazione, il 22% ha indicato la cocaina come sostanza problematica primaria.
Eroina
Nell’Unione europea e in Norvegia, da 1,2 a 1,5 milioni di consumatori di oppiacei, la maggioranza dei quali è costituita da consumatori di eroina. I nuovi dati indicano anche che la popolazione di consumatori di eroina è tuttora in aumento, benché in misura modesta. Sulla base dei dati provenienti da 19 paesi partecipanti all’indagine, nel 2007 il numero globale di nuove richieste di terapia per consumatori di eroina come droga primaria, era più elevato del 6% rispetto al 2002. Tra il 2006 e il 2007, otto paesi hanno riferito che gli utenti che entrano in terapia per consumo primario di eroina, sono aumentati. Tra il 2002 e il 2007, il numero di sequestri di eroina segnalati nell’Unione europea e in Norvegia è aumentato in media di circa il 4% l’anno. Nel 2007 sono stati riferiti 56.000 sequestri (rispetto ai 51.000 nel 2006), con il numero più elevato nel Regno Unito. Il quantitativo globale di eroina sequestrata nell’Unione europea e in Norvegia, dopo una diminuzione successiva al 2002 è aumentato da 8,1 tonnellate nel 2006 a 8,8 tonnellate nel 2007. La Turchia, importante paese di transito per l’eroina in ingresso nell’UE, ha riferito un quantitativo record di 13,2 tonnellate sequestrate nel 2007, rispetto a 2,7 tonnellate nel 2002.

Poliassunzione
La poliassunzione è oggi molto diffusa in Europa e l’uso combinato di diverse sostanze causa o complica, le terapie da affrontare. Tra gli studenti (15–16 anni) interpellati in 22 paesi, il 20 % ha riferito un consumo di alcool e sigarette nell’ultimo mese, il 6 % di cannabis con alcool e/o sigarette e l’1 % di cannabis con alcool e/o sigarette più un’altra sostanza (ecstasy, cocaina, anfetamine, LSD o eroina). La ricerca indica che tra i giovani studenti, la poliassunzione può aumentare il rischio di effetti tossici e di problemi cronici di salute negli anni a venire.
Tra i giovani adulti (15–34 anni), la poliassunzione è sintomatica di modalità più radicate di consumo di sostanze e può essere associata a maggiori rischi. I forti o frequenti consumatori di alcool hanno probabilità da due a sei volte superiori di aver consumato cannabis nell’ultimo anno rispetto alla popolazione generale e da due a nove volte superiori di aver usato cocaina durante tale periodo. La poliassunzione è particolarmente diffusa tra i consumatori problematici di stupefacenti e può determinare un aumento dei rischi e la possibilità di conseguenze gravi (overdosi). Una recente analisi di dati provenienti da 14 paesi ha rilevato che oltre la metà (57 %) dei nuovi pazienti ammessi a terapie disintossicanti ha segnalato almeno una sostanza problematica aggiuntiva oltre alla sostanza primaria per cui chiedeva assistenza. I referti tossicologici in seguito a overdosi letali (causate per lo più da eroina) spesso rivelano la presenza di più sostanze. La gestione della poliassunzione tra i consumatori di stupefacenti rimane un compito complesso e impegnativo per i terapeuti nell’ambito della fornitura dei servizi”. I soggetti con problemi connessi a un’unica sostanza stanno diventando un’eccezione, osserva il direttore dell’OEDT Wolfgang Götz. “In Europa il problema della droga si riferisce sempre più spesso al consumo combinato di diverse sostanze psicoattive, sia lecite che illecite. Questa realtà non solo conduce con più frequenza a esiti negativi, ma costituisce anche una sfida per i servizi di terapia per le tossicodipendenze, che devono far fronte a un insieme più complesso di necessità. Le nostre future politiche devono inoltre, riflettere il fatto che l’uso combinato di stupefacenti e alcool è diventato una caratteristica fondamentale dei problemi che oggi ci troviamo ad affrontare”.

27 gennaio 2010 – Antonio Maria Costa. Direttore dell’Ufficio delle Nazioni Unite per la Droga e la Criminalità (UNODOC)


Il ruolo dei soldi della droga come ciambella di salvataggio del sistema finanziario. “Il traffico di droga a questo punto, potrebbe essere l’unica industria in espansione, con poca o zero disoccupazione. I proventi vengono reinvestiti solo parzialmente in attività illecite. Il resto del denaro viene immesso nell’ economia legale con il riciclaggio. Ciò significa introdurre capitale da investimento. Ci sono indicazioni che questi fondi sono anche finiti nel settore finanziario, che si trova sotto ovvia pressione dalla seconda metà dello scorso anno. Sembra che i crediti interbancari siano stati finanziati da denaro che proviene dal traffico della droga e da altre attività illecite. In molti casi, i proventi della droga sono l’unico capitale liquido con cui comprare, ad esempio, proprietà immobiliari. Nella seconda metà del 2008, la liquidità era il principale problema del sistema bancario e perciò, questo capitale liquido è diventato un fattore importante. Oggi, la crisi finanziaria costituisce una straordinaria opportunità per una ulteriore penetrazione di istituzioni finanziarie in crisi di liquidità da parte della mafia: con la stretta creditizia delle banche, questi gruppi criminali ricchi di liquidità sono emersi come la sola fonte di credito. Non solo i banchieri hanno creato strumenti finanziari dal potere incalcolabile, ma hanno permesso all’economia criminale di diventare parte dell’economia globale. I banchieri d’affari, i manager dei fondi, i traders commerciali e immobiliari, assieme ai certificatori, ai contabili e ai legali, hanno aiutato le mafie a riciclare i proventi del crimine e a diventare soci in affari”.

È il petrolio bianco il vero miracolo del capitalismo moderno. Una ragnatela mondiale che dà ai clan un fatturato 60 volte superiore a quello della Fiat. Non esiste nulla al mondo che possa competervi. Niente in grado di raggiungere la stessa velocità di profitto. Nulla che possa garantire la stessa distribuzione immediata, lo stesso approvvigionamento continuo. Nessun prodotto, nessuna idea, nessuna merce che possa avere un mercato in perenne crescita esponenziale da oltre vent’anni, talmente vasto da permettere di accogliere senza limite nuovi investitori e agenti del commercio e della distribuzione. Nulla sulla crosta terrestre ha permesso un tale equilibrio tra domanda e offerta. La prima è in crescita perenne, la seconda in costante lievitazione: trasversale a generazioni, classi sociali, culture. Con multiformi richieste e sempre diverse esigenze di qualità e di gusto. È la cocaina il vero miracolo del capitalismo contemporaneo, in grado di superarne qualsiasi contraddizione. I rapaci la chiamano petrolio bianco. I rapaci, ovvero i gruppi mafiosi nigeriani di Lagos e Benin City divenuti interlocutori fondamentali per il traffico di coca in Europa e in America al punto tale che in Usa sono presenti con una rete criminale paragonabile soltanto, come racconta la rivista ‘Foreign Policy’, a quella italoamericana. L’Italia è il paese dove i grandi interessi del traffico di cocaina si organizzano e si strutturano in macro−strutture che ne fanno uno snodo centrale per il traffico internazionale e per la gestione dei capitali d’investimento. L’azienda−coca è il business più redditizio d’Italia. La prima impresa italiana, l’azienda con maggiori rapporti internazionali. Può contare su un aumento del 20 per cento di consumatori, incrementi impensabili per qualsiasi altro prodotto. Calabria e Campania forniscono i più grandi mediatori mondiali nel traffico di coca, ‘ndrangheta e camorra trattano circa 600 tonnellate di coca l’anno. La strada africana, la strada spagnola, la strada bulgara, la strada olandese sono i percorsi della coca infiniti e molteplici che hanno un unico approdo da cui poi ripartire per nuove destinazioni: l’Italia. Alleanze strettissime con i cartelli ecuadoregni, colombiani, venezuelani, con Quito, Lima, Rio, Cartagena. La coca supera ogni barriera culturale e ogni distanza tra continenti. Unico mercato: il mondo. Unico obiettivo: il danaro. In Europa, ‘ndrangheta e camorra riescono più di ogni altra organizzazione a movimentare la cocaina. Spesso in alleanza tra loro, alleanze nuove e inedite tra gruppi a cui i media italiani tradizionalmente riservano un’attenzione marginale e cronachistica, lasciando che nel cono d’ombra generato dalla fama di Cosa Nostra continuassero a migliorare e trasformare le loro capacità di importazione e gestione della coca. Tra Sud America e Sud Italia sembra esserci un unico cordone ombelicale che trasmette coca e danaro, canali noti e sicuri, come se esistessero immaginari binari aerei e gallerie marine, che legano i clan italiani ai narcos sudamericani. Il contributo fondamentale della criminalità organizzata italiana sta nella mediazione dei canali e nella capacità di garantire continui capitali d’investimento. I capitali con cui la coca viene comprata si definiscono ‘puntate’. E le puntate dei clan italiani arrivano prima di ogni altro concorrente: puntuali, corpose, in grado di permettere ai produttori di avere garanzie di vendite all’ingrosso e persino di liberarli della necessità di trasportare il carico sino a destinazione. Nel 2007 emerge la nascita di una nuova figura, il broker, e lo spostamento dell’asse internazionale dei traffici dalla Spagna a Napoli. Dopo gli attentati dell’11 marzo 2004, la Spagna decretò il massimo rigore alle frontiere, cosa che si tradusse nell’aumento esponenziale dei controlli di porti e autoveicoli. E così il paese che prima era considerato dai narcos un enorme deposito dove poter stoccare cocaina alla sola condizione che non fosse destinata al mercato interno, ora come snodo di scambi diventava problematico. Tutta la droga finisce quindi dirottata in altri porti come Anversa, Rostock, Salerno. La coca vi arriva dopo che le puntate sono state decise, e a partecipare alle puntate non sono solo i clan, ma anche i corrieri, i broker stessi e chiunque voglia tentare la strada dell’investimento in questa sostanza alchemica che rende cento volte il costo iniziale.
Tutto appare sempre più costruito sulla bramosìa di apparire e la velocità attraverso cui raggiungere il successo. La vastità di scelte e la facilità di conquista, hanno generato un ritmo ossessivo nella frenesia di appagamento di un senso di desiderio sempre più compulsivo e insoddisfatto.

Policlinico Agostino Gemelli – Roma
Federico Tonioni – Psichiatra e Ricercatore

Dottore. Ovunque si vada e a qualsiasi ora, si incontra gente fatta di coca. Le sostanze a disposizione sono innumerevoli. Perchè stiamo scegliendo proprio la cocaina?

“Perchè la società di oggi è articolata in maniera compulsiva. La compulsione è senza tempo. La mente desiderosa fa della compulsione la caratteristica principale. I prodotti in offerta generano una tipologia di richiesta frenetica e ossessiva. La cocaina è la sostanza con cui ci si allinea alla velocità, alla fretta”.

Come agisce? Perchè da molti è considerata una droga subdola?

Ciò che spinge una persona verso la ricerca frenetica della cocaina è la ricerca del piacere. Per questo la dipendenza da cocaina è fortissima ed almeno nelle fasi iniziali, prevalentemente psicologica. Un evento piacevole e la sensazione di euforia e benessere che tale evento provoca è dovuta ad un grande incremento di produzione di dopamina. La cocaina agisce sulla funzionalità delle proteine di trasporto, impedendo il riassorbimento di dopamina all’interno del neurone. La dopamina è una sostanza naturalmente prodotta dal corpo umano. All’interno del cervello, la dopamina funziona da neurotrasmettitore, tramite l’ attivazione di recettori e subrecettori specifici. I neurotrasmettitori, sono sostanze chimiche che mettono in comunicazione i neuroni, aumentando la secrezione di dopamina. La cocaina colpisce e blocca i trasportatori di dopamina, impedendone il riassorbimento all’ interno del neurone”.

Perchè è importante la dopamina?

“La dopamina serve a controllare i movimenti, le emozioni ed i sentimenti. Si riforma attraverso l’ alimentazione. La depressione post-cocaina è dovuta alla mancanza di dopamina. Il down inizia quando non si ha più dopamina a disposizione. I danni della cocaina sono subdoli. E’ da lucidi che escono. La cocaina è inizialmente invisibile. I danni provocati sono spesso irreversibili perchè generano deformazioni nel pensiero e nella percezione. Tutto ciò che abusa di dopamina, cambia il pensiero”.

Perchè la cocaina stà diventando la droga di tutti?

“Perchè è l’incarnazione delle tendenze attuali: fingere di essere sempre felici, belli e vincenti. Ovvero essere finti, di plastica. La cocaina promette sogni di gloria e intanto scava nuovi vuoti nell’anima. La cocaina è infame e fà diventare infami”.

Il consumo di cocaina è aumentato soprattutto tra i giovani di età compresa tra i 15 ed i 34 anni. Contemporaneamente, soprattutto in questa fascia di età è statisticamente diminuito il consumo di hashish. Cosa stà cambiando?

“E’ cambiata la struttura sociale. Le famiglie non sono più nuclei ristretti di individui attenti alle reciproche esigenze. I genitori non hanno tempo di educare i propri figli e quando si presentano i sintomi di un disagio, non sanno come affrontarlo perchè non ne conoscono il portatore. Chi fa uso di cocaina, inizia per sentirsi meno solo. La coca è un anestetico della coscienza. Allontana la percezione del dolore”.

Quindi genera distorsione della realtà?

“Regolarmente assunta, la cocaina inizia un’attività incentrata sulla stimolazione di comportamenti impulsivi e aggressivi. Contemporaneamente, il subconscio crea un’ illusione di onnipotenza, riducendo il senso di responsabilità e la capacità di riconoscere adeguatamente le situazioni a rischio”.

Da sostanza economicamente inaccessibile, la coca è diventata una droga trasversale. Un grammo costa 74 euro. Nel 2012 costerà 67. Oggi, attraverso i canali giusti, si trova anche a 50 euro. Operai, imprenditori, politici, avvocati, ragazzini, genitori e intellettuali. Stà colpendo tutti. Perchè quest’ondata di cocaina?

“Per vari motivi la richiesta di cocaina è salita esponenzialmente. La crisi in corso ne ha imposto l’ abbassamento dei prezzi. Contemporaneamente è salito il consumo di eroina ed il forte ritorno previsto, ha generato l’ esigenza di mantenere alto il mercato di cocaina, attraverso la diminuzione dei costi e la vendita di un prodotto scadente, mal tagliato ed in molti casi con percentuali di coca presenti, quasi nulle”.

E psicologicamente? Come ha fatto a conquistare una così eterogenea e larga fascia di persone?

“Infilandosi nelle vite di chi appare e di chi attraverso i media vende la propria imagine. La cocaina è sempre stata una droga ambita perchè appartenente a mondi lontani dall’ immaginario collettivo. La globalizzazione stà conducendo l’umanità alla formulazione di pensieri simili e conseguenti simili atteggiamenti. La cocaina non è altro che uno degli strumenti del capitalismo moderno”.

Chi sniffa di più. Uomini o donne?

Gli uomini sono in lieve maggioranza ma la percentuale varia di poco. Sono loro generalmente ad acquistarla”.

Sono cambiati gli usi, i costumi, i valori. Nel contesto specifico: cocaina, qual è il ruolo della donna?

“La donna assume fondamentale importanza nell’esempio che le generazioni si tramandano. I giovani imitano i personaggi di oggi, offerti dalla società come modelli. Attraverso l’ informazione viene costantemente proposta una tipologia di vita ricca e spensierata. In questo contesto gli uomini di potere, appaiono entusiasti nell’esser contornati da donne sorridenti. Le donne sorridenti spesso lo sono perchè nutrite dell’apparenza di cui l’uomo si circonda attraverso il successo. Il successo è denaro. Denaro è potere. Il concetto attuale di potere è legato all’immagine. Gran parte degli uomini che vengono oggi ritenuti potenti, fa uso di cocaina e sempre appare circondato da belle donne. La cocaina è uno degli strumenti di conquista che attualmente l’uomo utilizza nell’approccio con il sesso opposto. E non di rado la donna scende a compromessi sessualmente degradanti, pur di farsi una botta di coca. La mercificazione del sesso ed il mercato della cocaina, sono due settori che vicendevolmente si alimentano. I giovani uomini imparano che con la coca la donna si conquista facilmente. Le donne, attraverso l’ esempio materno o l’implicito insegnamento delle icone ambite dai media, ad un’età sempre più giovane, imparano ad utilizzare le proprie virtù come merce di scambio. I processi mentali per cui un’emozione si fissa nella memoria, funzionano per associazioni di elementi che ne compongono l’immagine. La condizione di vita attualmente più ambita, pone al centro dei desideri, il denaro. Il denaro tra le altre cose, procura cocaina. La cocaina attira le donne. Donne e cocaina raccontano in parte, quell’immagine di potere conferita dal dio denaro”.

Dr Tonioni. Si potrebbe attribuire il crollo dei mercati finanziari americani, anche all’abuso nel consumo di cocaina?

“Non in maniera così netta, ma statisticamente il consumo regolare di cocaina è molto elevato soprattutto all’ interno di sistemi governativo-finanziari”.

Nel 2005, uscirono in Italia vari articoli che della crisi americana parlavano in relazione al consumo di cocaina. Il Wall Street Journal ne raccontava l’invasione commerciale, lanciando una sorta di allarme. Negli anni a seguire, non se ne è parlato. In Italia più che in altri paesi, l’ argomento è quasi intoccabile. Ammettiamo che sia vero: la cocaina, stà minando l’equilibrio di un sistema finanziario già in crisi per altri motivi. In che modo è responsabile di un crollo che dall’America stà colpendo l’ Europa?

“Il mondo è costituito dalle società. Le società dai sistemi. I sistemi sono gestiti dagli individui e dalle loro professioni. La cocaina genera reazioni devastanti in tutte quelle professioni nelle quali l’equilibrio ed il controllo delle proprie emozioni è essenziale. Dopo un periodo di circa cinque anni, le lesioni cerebrali provocate, diventano irreversibili. L’assunzione ripetuta e continua, porta ad un’atrofizzazione dei lobi frontali, fino a determinare stati psicotici caratterizzati da deliri, paranoie e manie di persecuzione. La cocaina isola ed esige atteggiamenti compulsivi. La compulsione porta al desiderio ossessivo della sostanza. Il desiderio manipola il senso di responsabilità, mutando in priorità. La priorità nel procurarsi la sostanza, devìa dal senso di dovere, dagli appuntamenti, dal lavoro. Chi abusa di cocaina è portato a mentire. La menzogna genera sensi di colpa. Il senso di colpa intacca l’ autostima. L’autostima è alimentata dalla coerenza e dal senso di soddisfazione che gradualmente genera fiducia in noi stessi”.

Consumo regolare di cocaina

Conseguenze psicologiche
Lo sviluppo della tolleranza si riflette nella riduzione degli effetti piacevoli, che diventano meno intensi e solo parzialmente vengono superati con l’aumento dei dosaggi e la riduzione degli intervalli tra le dosi. Con lo sviluppo della tolleranza agli effetti della coca, si aumentano le dosi di assunzione al fine di ritrovare quegli stessi effetti piacevoli che la sostanza produceva le prime volte o per prolungarne gli effetti euforici. Contemporaneamente alla tolleranza agli effetti piacevoli della cocaina, si sviluppa una maggiore sensibilizzazione per gli effetti ansiogeni e d’inquietudine che tendono ad aumentare anche in assenza di un incremento della dose. Il desiderio di riprovare il piacere iniziale e di sfuggire all’ansia, conduce all’uso compulsivo della sostanza, con rapido aumento delle dosi e della frequenza d’ uso. L’effetto di estrema euforia creato dall’assunzione di cocaina è molto simile a quello dell’ anfetamina o della metanfetamina. L’eccitazione e lo stato di vigilanza che la cocaina provoca può portare la persona a gravi conseguenze d’abuso, quail stati d’ansia ed attacchi di panico, gravi forme di malnutrizione e depressione. Inoltre si verificano spesso stati confusionali e di esaurimento psico-fisico, conseguenze derivanti dalla mancanza di sonno. Ansia e depressione, gli stati d’animo che si alternano nelle persone che ne interrompono l’uso regolare. In seguito si manifesta un desiderio ossessivo che induce ad assumerne nuovamente, vanificando ogni sforzo di astensione. Le conseguenze da abuso di cocaina o dei suoi derivati per un lungo periodo, generano stati d’irrequietezza ed estrema irritabilità. L’eccitazione si trasforma spesso in sbocchi d’ira e di grande aggressività. La persona diviene sempre più insonne e paranoica, sempre più frequentemente soggetta a deliri ed allucinazioni, proprie delle manifestazioni psicotiche indotte dall’ uso di anfetamine e metanfetamine e dalla schizofrenia paranoide.
PERSONALITA’ BIOCHIMICA: la dipendenza a lungo termine da cocaina causa un vero e proprio cambiamento nella personalità del cocainomane.

Caratteristiche

Cambiamenti d’ umore; inaffidabilità; incapacità di portare a termine qualsiasi progetto; risentimento inespresso e rancori segreti; disonestà. Mente a familiari, amici, datore di lavoro, etc.; isolamento e trattenimento nell’ esprimere sentimenti; cronicamente depresso; può iniziare a rubare in famiglia, al lavoro, agli amici. Il cocainomane non riesce a smettere per due ragioni: desiderio incontrollabile causato da metaboliti tossici; cambiamento di personalità generato dallo stile di vita del cocainomane. Sensi di colpa – depressione.

Conseguenze fisiche

Deterioramento delle mucose nasali e conseguente perforazione del setto nasale, problemi alle vie respiratorie; infezioni virali dovute alle assunzioni della sostanza per via endovenosa; ischemie coronariche e cerebrali con conseguenti infarti, ictus ed emorragie cerebrali.
ASPETTI BIOCHIMICI: il corpo di una persona che per lunghi periodi di tempo usa cocaina, non è in grado di eliminarne completamente la sostanza. Con l’instaurarsi della dipendenza, accade che minuscole quantità di metaboliti di cocaina (i residui organici della sostanza), superano il punto di saturazione nei tessuti del cocainomane. I metaboliti, pur venendo facilmente eliminati dalla maggior parte dei tessuti organici, possono restare intrappolati nei tessuti grassi del corpo e restarci per anni. Se il cocainomane decidesse di smettere, questi depositi tossici di cocaina, entrando nuovamente in circolazione nell’ organismo, innescherebbero di fatto un desiderio a cui sarebbe quasi impossibile resistere. La presenza nell’organismo di questi metaboliti, anche in quantità microscopiche, causa una reazione nervosa nel cervello che reagisce innescando i sintomi dell’astinenza. I recettori delle cellule cerebrali, abituati a grandi quantità di cocaina, sono ora forzati a trattare una quantità minima di questi metaboliti. Il cervello allora, richiede una maggior quantità di cocaina.

Stà cambiando il sistema. I valori. La percezione. E mentre si combatte la guerra al terrorismo, non ci si rende conto che i terroristi del nostro tempo sono loro: le dipendenze. Il mercato che la società distrae dall’essenza della vita: l’ascolto delle percezioni.

Milano – Anno 2009
Rapporto del centro studi Prevo.Lab
(laboratorio previsionale sulle dipendenze della Lombardia)

“La crisi rallenta il mercato della droga, ma i consumatori continuano a crescere. E se la cocaina si conferma una piaga sociale, il futuro sarà in realtà un ritorno: quello dell’eroina. Il cui mercato è previsto in aumento del 40 per cento nei prossimi tre anni. Nel 2012 i consumatori delle droghe “da discoteca” arriveranno a circa un milione (700 mila snifferanno cocaina e 270 mila cercheranno lo sballo con l’ecstasy e gli anfetaminici). Il dato corrisponderà al 3% degli italiani tra i 15 e i 54 anni. Ma a preoccupare è l’abbassamento dei prezzi delle droghe, già ai minimi storici: per una dose di polvere bianca nel 2012 si spenderanno tredici euro, sette per una di eroina.
La Cocaina è una strategia, dicono gli analisti, per abbassare l’età dei consumatori e garantire così una “base allargata” di tossicodipendenti. Il mercato sta cambiando: dai narcos colombiani ai coltivatori di oppio afghani fino agli spacciatori di strada o a quelli della movida e del porta a porta. Come le multinazionali, anche i trafficanti di eroina, hanno risentito della congiuntura economica, così i canali di distribuzione sono stati costretti a differenziarsi. Secondo le stime per il triennio 2009-2012 gli eroinomani saranno 160 mila, il 40% in più rispetto ad ora. A partire dalle metropoli: Milano, Roma, Torino, Napoli. Un boom pilotato. Secondo gli esperti del settore, l’obiettivo è quello di garantire uno zoccolo duro con elevata dipendenza, superiore a quella della cocaina. Per gli spacciatori, aumentare la diffusione dell’eroina nei giovani tra i quattordici e i sedici anni, significa investire sul mercato dei prossimi dieci anni. Oggi le organizzazioni, dalla ’ndrangheta ai narcos, agiscono con mentalità imprenditoriale. Non c’è una borsa internazionale della droga, ma i trafficanti tendono ad autoregolamentare il mercato.

Cosa vuol dire applicare i dettami della macroeconomia al mercato degli stupefacenti?

Significa ridurre i prezzi di vendita, rendendo il mercato trasversalmente commerciale. Accessibile alla maggioranza.

Nell’anno 2007 gli Stati Uniti, hanno perso 171 miliardi di dollari per mancanza di produttività causata dalle dipendenze. Il 90% delle banconote americane, presenta tracce di cocaina. La crisi economica sta portando anche in Europa a un’esplosione di traffici clandestini retti da gruppi britannici e internazionali, con un giro d’affari record di 30 miliardi di sterline, di cui 17,5 legati al mercato delle droghe. E una situazione ancora più mossa si registra in Spagna. Da operazioni di polizia nella capitale e in altre città è emerso che i narcotrafficanti stanno innovando il mercato attraverso pratiche inedite, come quella della vendita a domicilio. Il problema più serio riguarda il crimine organizzato. Ogni attività di mercato controllata dall’autorità genera affari illegali paralleli. Inevitabilmente, i controlli sulla droga hanno generato un mercato criminale di macro-dimensioni economiche che usa violenza e corruzione per mediare tra domanda e offerta. Mentre quasi tutta la coca colombiana è destinata al Nord America, a rifornire l’Europa sono Perù – per la maggior parte, il 60-70 per cento – e Bolivia. Nel Vecchio Continente la polvere bianca arriva in aereo. Dai Caraibi o dal Cono Sud, approfittando dei frequenti collegamenti dovuti al boom turistico delle Antille o ai vincoli storico-culturali che legano Argentina, Uruguay, Brasile all’altra sponda dell’Atlantico. Una quantità via via maggiore di cocaina, inoltre, raggiunge i porti europei dall’Africa occidentale. I narcotrafficanti la trasportano qui via Brasile o Venezuela. Per poi caricarla sulle centinaia di “navi invisibili” che si dirigono verso le Canarie o Madeira. La “via africana” è quella che preoccupa di più l’Onu. Perché il narcotraffico tende a fagocitare i Paesi che attraversa. Devastandone il tessuto politico ed economico. È accaduto in America Centrale. Ora, la stessa catastrofe minaccia di ripetersi in Guinea Bissau, Capo Verde, Gambia.

VACCINO ANTICOCAINA

Uno studio, pubblicato nel mese di ottobre del 2009, dagli “Archives of General Psychiatry”, rivela come un’eventuale profilassi sia in grado di ridurre la dipendenza dalla droga. Secondo gli autori della ricerca, che hanno condotto test per sei mesi alla Yale University School of Medicine e al Baylor College of Medicine, il vaccino riesce nel suo scopo perché agisce sul sistema immunitario, aumentando il numero degli anticorpi anti-cocaina nel sangue. Inattiva la cocaina prima che entri nel cervello, evitando che la sostanza provocochi una sensazione di piacere ed euforia. E lo fa senza causare altri effetti psicoattivi o interazioni pericolose. Però, solamente il 38 per cento dei vaccinati ha prodotto livelli di anticorpi sufficienti a inibire la cocaina e a ridurre in modo significativo gli effetti provocati dalla droga e tra coloro in cui ha funzionato, gli anticorpi sono rimasti nell’organismo per soli due anni.

La sperimentazione
Thomas Kosten, lo studioso che ha guidato il team, da 15 anni dedica il suo lavoro alla messa a punto di un vaccino anticocaina e ha condotto la sperimentazione prima sugli animali, poi sulle persone. La ricerca ha coinvolto 115 soggetti dipendenti dalla polvere bianca: 58 ricevano il vaccino, 57 iniezioni di placebo. Per misurare la presenza dei metaboliti della sostanza stupefacente, tutti venivano esaminati con analisi delle urine tre volte alla settimana, per sei mesi. Soltanto in 55 hanno completato il ciclo vaccinale, i risultati dei test mostravano come 21 persone (38%) avessero raggiunto un livello di anticorpi significativo e contemporaneamente, vedevano ridursi anche il livello dei metaboliti della cocaina tra la nona e la sedicesima settimana. Kosten ha inoltre affermato che sta cercando di reclutare l’assistenza delle grandi case farmaceutiche, che stanno sviluppando farmaci simili per combatterre la dipendenza da cocaina. Un ostacolo considerevole è che la terapia per l’uso di droghe illegali non ha lo stesso margine di profitto di quella per la cocaina.

Ciò che l’uomo crea per la risoluzione di un problema, muta spesso in mezzo di conquista e manipolazione di pensiero.
L’immagine di ciò che viene considerato potere stà cambiando. L’esempio proposto è il riflesso di desideri che di apparenza si nutrono e la coscienza ingannano sgretolandone il valore. La fiducia in se stessi è l’essenza dell’eroismo.

Ottavia Massimo

FONTI

  • Wall Street Journal
    Osservatorio Europeo Droghe e Tossicodipendenze
    Reparto Tossicodipendenze Policlinico Agostino Gemelli – Roma
    Squadra Mobile della Questura di Roma
    Comunità Papa Giovanni XXIII


Leave a comment

L’altra faccia della rete

 

http://www.dillinger.it 22 Marzo 2010

di Ottavia Massimo

 

IAD – Internet Addiction Disorder

Il vero limite umano è il corpo. L’ unico a renderci autentici.

Il corpo non mente mai.

REUTERS – Cina

20 Gennaio 2009 – Pechino

“Il paese più popoloso al mondo ha anche la più ampia utenza di Internet del globo. Erano circa 298 milioni gli utenti alla fine del 2008, con un aumento di quasi il 42% rispetto all’anno precedente, secondo il Centro di informazioni per la rete Internet cinese. Molti ragazzi cinesi sono figli unici e su di loro si concentrano tutte le aspettative dei genitori. Gli Internet Café sono una via di fuga e molti, una volta entrati, non riescono più ad andare via. Per chi abusa del mondo on-line, esiste a Pechino il Centro per la cura delle dipendenza da Internet ‘Taoran’, che aiuta a rientrare nel mondo off-line. Ma l’ospedale ha di recente dovuto spostare 60 pazienti in una nuova struttura, perché non riusciva ad ospitare il numero di giovani che continuano ad arrivare da ogni parte della Cina. Le cure consistono in terapie mediche e psicologiche e costano circa 1.500 dollari al mese. Un gran numero di dipendenti da Internet si trova in ospedali psichiatrici per disturbi ossessivo-compulsivi, mentre i nuovi pazienti del Centro Taoran — ha riferito Chen Kehan, uno dei medici della struttura — stanno divenendo sempre meno socievoli e più difficili da curare. Alcuni, ha detto Kehan, sembrano aver perso molte delle capacità sociali necessarie per vivere fuori dal mondo virtuale. Oggi in Cina, vi sono oltre 200 organizzazioni che offrono trattamenti per curare la dipendenza da Internet”.

Le statistiche ufficiali relative al mese di marzo dell’ anno 2010, definiscono la IAD: una malattia che è arrivata ad essere considerata uno dei più temuti rischi per la salute pubblica. Ne è affetto l’ 80 % della gioventù cinese.

Mentre si discute l’ ormai noto decreto Romani, per cui il governo italiano intenderebbe proporre un effettivo controllo sulla Rete (leggi articolo), nascono anche in Italia particolari ambulatori dedicati alla dipendenza di chi di Internet abusa e soltanto nel mondo di Internet sembra potersi identificare. Il 2 novembre dell’ anno 2009, al Policlinico Gemelli di Roma, viene innaugurato il primo centro italiano per la cura dei disturbi circa la dipendenza legata alla Rete. In realtà i centri per il suddetto disturbo esistono ufficialmente dal 2007 e nascono in America. A Fall City, vicino Seattle e non lontano dalla sede centrale della Microsoft, nello stato di Washington. IAD (Internet Addiction Disorder) è un termine coniato nel 1995 da Ivan Goldberg, quando ancora il disturbo non esisteva ma lo studio dello psichiatra su un gruppo di persone che faceva uso di Internet, iniziò a rivelare già due anni prima, sintomi particolari. I “naviganti” mostravano segni di dipendenza nel movimento involontario delle dita durante il sonno e nei sogni stessi in cui manifestavano stati d’ ansia circa l’impossibilità di connessione.

L’ambulatorio romano è stato fondato dallo psichiatra e ricercatore Federico Tonioni. Si divide principalmente in due gruppi relativi all’età dei pazienti: dai tredici ai venticinque e dai venticinque anni in su.

Nell’ adolescenza le dipendenze più frequenti sono relative ai giochi di ruolo ed ai social networks. In età adulta, i sintomi più frequenti sono scatenati dai giochi d’azzardo, dalla ricerca smaniosa di informazioni e dal desiderio compulsivo di visitare siti pornografici.

Dottor Tonioni, che succede? Come mai le persone sembrano non esser più interessate al contatto, all’interazione effettiva tra individui?

Il problema è piuttosto complesso e diviso tra più contesti e sfumture.

L’ adolescenza attuale passa attraverso il computer. Ogni relazione mediata da Internet, avviene per processi onnipotenti, in contesti tendenzialmente autistici. Il corpo non c’ è e nel tempo la mente ha acquisito consapevolezza nel sentirne la mancanza e costruire mondi di percezione fittizia e non tangibile. Con il sistema Internet sono aumentati i contatti ma si sono svuotati di contenuti. Il vero limite umano è il corpo e i limiti non sono deficit, ma gli unici in grado di renderci autentici. Il corpo dice sempre la verità. La comunicazione del corpo non mente.

Cosa avviene nel cervello di un ragazzino? Perchè i giovani di oggi sembrano non esser in grado di sostenere relazioni umane dirette?

Siamo nell’era del controllo. Abbiamo continuamente bisogno di controllare la nostra vita attraverso il controllo delle nostre emozioni e quelle da noi suscitate. I pazienti sono affetti da anedonìa, la difficoltà a provare e ad esprimere piacere. Parallelamente vi è un aumento dei pensieri paranoidei, relativi alle dinamiche del controllo, che si manifestano soprattutto all’interno di social network, vissuti attraverso identità falsate al fine di controllare la persona o l’oggetto che provoca tale ansia. Attraverso la rete, si ha la sensazione di poter dominare un mondo che la mente percepisce e trasforma in contesti allargati ma falsati dalla mancanza di contatto effetivo. In rete non si arrossisce. Le emozioni sono relativamente intense e divise tra numerosi contesti che ne svalutano l’essenza. Questo ci da l’illusione di poter controllare il nostro mondo, ma in realtà, il controllo aumenta la distanza.

Quali sono i sintomi? Che faccia hanno queste persone?

I piccoli, di età compresa tra i dodici ed i venti anni, appaiono meno vitali di chi fa uso di eroina. Lo sguardo totalmente assente. Spesso molto magri, la pelle di un colore spento, quasi trasparente. Arrivano solitamente accompagnati da genitori perplessi e fortemente preoccupati. Nel tempo son ricorsi a vari sistemi, anche forti. Hanno provato a distogliere i figli dal computer, proponendo loro interessi differenti, sport, giochi, feste tra amici. Fino ad arrivare a scontri anche fisici in cui il genitore strappa i fili di collegamento ad Internet. Nulla sembra funzionare. Le reazioni non sono neanche violente. Vi è nell’adolescente attuale un’assenza sempre più grave e reale della percezione del proprio corpo, quindi delle emozioni. Molti genitori sono disperati. Non sanno a chi rivolgersi. Non sanno come stimolare i loro figli alla comunicazione. Il problema delle nuove generazioni è percepito dai genitori come un mistero generato da un mondo che non appartiene alla loro cultura, in cui non sono invitati e quindi incontrollabile. La comunicazione intergenerazionale è interrotta. Gli adolescenti affetti da tale dipendenza, sono alberi senza radici.

Ed i non adolescenti? I grandi. Loro che faccia hanno?

Le dinamiche oggettive cambiano ma l’essenza è la stessa. Gli over venticinque vengono soli. Timidi, si vergognano quasi di dover ricorrere ad aiuti esterni. Ma sono coscienti. E tale consapevolezza è spesso data dall’ansia nel rendersi conto di non saper più intraprendere relazioni fisiche e sociali con il sesso opposto. Sono tutti uomini e l’ 85% si sente dipendente dai siti pornografici. La continua ricerca di nuovi siti li porta generalmente alla graduale scoperta di video in cui i protagonisti sono spesso molto giovani. La masturbazione compulsiva unita alla spasmodica ricerca di ‘esperienze’ sempre più trasgressive, li conduce subdolamente ad un’eccitazione sempre meno appagante e bisognosa di perversione. Non si sentono colpevoli finchè non si rendono conto di godere di scene e visioni fortemente immorali e culturalmente proibite. Si chiedono se i loro desideri siano effettivamente leciti. Sono spaventati dal loro stesso impulso sessuale. Solitamente non hanno una vita di coppia, hanno serie difficoltà nell’approccio fisico con le donne e la masturbazione è l’unico contatto atraverso cui percepiscono il proprio corpo. Il fulcro del problema è lo stesso per tutti. Si stà perdendo la percezione del proprio corpo. La mente diventa una prigione spaventosa se non gestita da limiti reali che solo il corpo è in grado di generare attraverso la percezione dei sensi.

Il bilancio riguardante il vostro ambulatorio, relativo al mese di marzo dell’anno in corso, parla in particolare di trentacinque pazienti. Tutti uomini. Come molti altri che non hanno iniziato la terapia, ma hanno solo telefonato o prenotato una visita. Perchè?

Non lo so. Posso solo dire che ad esempio, finora non abbiamo mai avuto un paziente dipendente da Facebook. Le donne navigano principalmente sui social network. Qui, le patologie riguardano dipendenze più maschili che femminili. Gioco d’ azzardo, sesso e giochi di ruolo. Forse le donne non ne sono coscienti. Forse le ore trascorse in un social network non vengono percepite come dipendenza perchè le relazioni avvengono anche con persone che si conoscono effettivamente nella vita reale. Questo potrebbe dare l’illusione di trascorrere il tempo costruendo rapporti veri.

L’ Italia è sempre stato un paese ricco di tradizioni, storia e cultura. Internet appare essere un chiaro sintomo circa la perdita di interesse nel contatto con le nostre radici. Prima si parlava di comunicazione intergenerazionale interrotta. Perchè? Non può essere solamente Internet la causa di questo. Cosa c’è alla base del cambiamento di pensiero di chi sembra essere alla ricerca non solo di nuovi stimoli, ma di valori in cui credere, probabilmente ormai delusi?

Credo che l’ Italia stia subendo un cambiamento importante dato anche dall’interruzione di dinamiche di insegnamento che stanno creando una profonda frattura tra passato, presente e futuro. La morte di Papa Wojtyla ad esempio, ha bruscamente interrotto un processo di crescita in cui gli adolescenti si specchiavano. E non erano ragazzi appartenenti ad un ambiente particolare o soltanto di chiesa. Wojtila era riuscito ad accogliere e riunire milioni di persone tra cui migliaia di adolescenti provenienti dai contesti più disparati. Al funerale i boyscout piangevano con i punk. Le domeniche, S. Pietro pullulava di dark e papaboys. Tutti insieme. Per vari motivi, legati all’esempio che ai giovani si stà dando, la generazione attuale sembra non fidarsi dei propri simili ed i propri limiti spinge in contesti non reali. Questo processo di unificazione ed implicito insegnamento ai valori, si stà interrompendo.

Come si agisce? Quali le terapie?

Dopo un primo colloquio, necessario per diagnosticare la psicopatologia, inseriamo i pazienti in gruppi di riabilitazione. Il gruppo dal vivo, per sua stessa natura, riattiva la comunicazione non verbale, il senso del limite, la relazione fisica. Si recupera la bellezza dell’emozione nel guardarsi negli occhi. È una vera e propria rieducazione al contatto umano. Il 18 marzo abbiamo iniziato la terapia di gruppo per genitori. Ci si confronta raccontando vicende e reazioni. Si cerca di correggere lo stimolo a vietare la connessione e conseguenti scontri che portano i figli ad ulteriori chiusure. Tentiamo di spronare i genitori stessi all’attività digitale, creando effettivamente interessi condivisibili con i propri figli.

Quindi Internet cos’ è? Libertà o perversione da condannare? Non pensa ci possa essere un modo per tutelarne l’ uso?

Assolutamente, credo che Internet sia uno strumento eccezionale ma andrebbe diversamente gestito. Internet ha bisogno di sane regole. La libertà senza contenimento non è libertà. L’assenza di limiti è dannosa soprattutto per menti non ancora formate. E’ cambiato il livello di realtà, quindi di lealtà. In rete si ha accesso a qualunque tipo di immagine ed informazione, avendo la quasi totale certezza di restare nell’anonimato. I contenuti non dovrebbero sparire ma essere selezionati per fasce di età.

..il vero limite umano è il corpo. Solamente i limiti ci rendono autentici. La comunicazione del corpo non mente mai.

Ottavia Massimo


Policlinico Gemelli di Roma

Largo Agostino Gemelli 8 – 00168 Roma
L’ ambulatorio è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9:30 alle 13:30.
Per prenotazioni colloqui contattare i numeri: 06.30154332 – 06.30154122

 


Leave a comment

Internet è Libertà: perchè dobbiamo difendere la rete.

Roma – 11 Marzo 2010

Camera dei Deputati – Palazzo Montecitorio

Il 13 dicembre dell’ anno 2009, il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stato colpito con una miniatura di gesso del Duomo di Milano. Ne son scaturite polemiche di ogni genere. La rete ne è stato il bacino di utenza maggiore. Vecchi siti e nuovi blog sono nati in difesa o all’ attacco del politico e quelli a cui Berlusconi proprio non piace, hanno con evidenza raggiunto percentuali di elevazione inaspettata e così reale da condurre il Cavaliere a sguinzagliare una serie di “hackers” (esperti nei sistemi di retroscena della rete), al fine di manipolare e controllare i gruppi anti-berlusconiani. In poco tempo si rese conto che il mondo di internet è meno arginabile di quanto pensasse e cominciò a parlare ufficialmente dell’ idea di proporre ai prossimi G8 e G20, una regolamentazione comune mondiale, circa il web. Il suo impero mediatico e vari organi del governo attuale, possiedono la maggior parte degli strumenti di informazione in Italia.

Nel mese di dicembre del 2009, il TIMESONLINE scriveva:

“I leader politici italiani, comprendono a malapena i programmi di videoscrittura, figuriamoci il Web. Ora se la prendono con i blogger del paese. Secondo gli standard del G8, l’ Italia è uno strano paese. Una nazione di legislatori ottuagenari eletti da pensionati di settanta anni. Tutti gli altri non contano. Questa prospettiva poco rassicurante è un’ introduzione necessaria in ogni discussione sulla politica italiana, con chi già non ne abbia familiarità. Che il governo italiano sembri incapace di adattarsi al mondo moderno, si spiega facilmente. Qualunque governo agirebbe nello stesso modo se al potere non ci fossero che i nonni.

Recentemente il legislatore italiano, ancora una volta, ha preso di mira la vita moderna, nel tentativo di introdurre una legge incredibile che imporrebbe di fatto a tutti i blogger e persino agli utenti dei social network (facebook, myspace, etc.), di iscriversi in registri pubblici statali. Anche i blog più innocui dovrebbero esser soggetti alla vigilanza del governo, nonché a tassazione, pur non trattandosi di siti commerciali. Al di fuori dell’Italia, la normativa ha generato sarcastica commiserazione da parte di attenti osservatori di tutt’altra opinione.

BoingBoing, sito web molto conosciuto tra gli hackers, ha ammiccato dichiarando che l’Italia propone la creazione di un “Ministro dei Blog”. Out-law.com, sito specializzato negli aspetti legali del web, parla schiettamennte, etichettando il provvedimento come legge “anti-blogger”. E’ comprensibile la mancanza di preoccupazione nei loro toni. Ci siamo trovati molto spesso di fronte a situazioni del genere. Ogni volta che funzionari del governo in preda al panico, che si tratti di Harare (capitale dello Zimbabwe), di Pechino o di Roma (questa è la seconda volta che viene proposto qui), decretano una nuova museruola per internet, gli smaliziati cittadini della rete subito trovano un modo per aggirare l’ostacolo. 

Perfino l’irrequieto adolescente é probabile che conosca un modo infallibile di mascherare il suo indirizzo IP. Inoltre si potrebbe facilmente sostenere che un Blogger o Typepad blog è ospitato su un server anche ben al di fuori del Bel Paese, rendendo una legge ottusa praticamente inapplicabile.

L’effetto di questa trasformerebbe tutti i blogger in Italia in potenziali fuorilegge. Ciò sarebbe ideale per i loschi traffici dei politici, bisogna ammetterlo, ma disastroso per le aspirazioni economiche sulla crescita del web italiano, senza parlare di una qualsiasi azienda del settore tecnologico che volesse vendere in Italia il suo software di elaborazione per blog, o aprirvi un social network. Oltre a fare scomparire potenziali posti di lavoro nel settore tecnologico ed a soffocare la libertà di parola, (la legge in discussione), può anche avere un effetto drammaticamente agghiacciante su tutte le forme di libera espressione, arte e cultura.

Mr Berlusconi crede di poter regolamentare uno strumento di comunicazione mondiale per mettere a tacere le numerose voci contrarie al suo regime. Andatosene Bush, forse il legislatore dimentica che nel G20 vi sono Nazioni che di Internet hanno bisogno come il pane e proprio finanziariamente, non è il caso di impedirne lo sviluppo. A nessuno quindi, passa per la testa di toccare Internet perchè, sig. presidente, se ancora non l’avesse capito, tra le altre cose, la libertà di espressione ha il vantaggio della conoscenza. Scambio tra culture. E’ questo forse, cavaliere Berlusconi, che teme per il suo potere?”

Ieri, a Montecitorio, c’ è stata la prima conferenza ufficiale circa la complessa questione: Internet è Libertà. Perchè dobbiamo difendere la rete. Finalmente, l’ emergenza è stata colta da membri politici e parlamentari che conferiranno alla questione un’ importanza non più vaga e marginale, ma effettiva nella difesa del forse unico strumento d’ espressione ancora relativamente libero: Internet.

Al convegno erano presenti: Riccardo Luna, direttore di Wired; il Presidente della Camera dei deputati (PDL) Gianfranco Fini; l’ assessore alla cultura del Comune di Roma Umberto Croppi; Franco Bernabè, amministratore delegato Telecom Italia; Stefano Quintarelli, presidente di Replay; Juan Carlos De Martin, responsabile Creative Commons per l’ Italia; Fiorello Cortiana, Senatore Responsabile Innovazione della Provincia di Milano; il deputato del Pd, Paolo Gentiloni Silveri; Paolo Romani, vice ministro dello sviluppo economico (PDL) e Lawrence Lessig, professore dell’ università di Harvard. Ed è proprio intorno a Lessig che è sembrata delinearsi l’ intera conferenza. Perchè? Perchè è americano. Molto si può dire dell’ America, ma una cosa è certa: gli Stati Uniti non ostacolano lo sviluppo ed il progresso. Andranno forse troppo veloci e saranno probabilmente costretti a dover risolvere questioni generazionali cavillose, circa lo stato mentale e lo sviluppo cognitivo dei cosiddetti “nativi digitali”.

In Italia vi è il problema opposto. Essendo tra i paesi con meno densità demografica e nascite al mondo, gran parte della popolazione “appare prigioniera di un retaggio culturale che ci tiene aggrappati a sistemi superati e non più ottimali” (Gianfranco Fini). Si ignora o condanna drasticamente l’ universo Internet. “L’Italia stà proponendo un avvenire remoto o inesistente, precludendo le attuali e prossime generazioni a concorrere per il futuro” (Senatore Fiorello Contiana). La politica sembra adottare un atteggiamento ostile alla rete. Gli organi istituzionali stanno seminando attraverso i media, un’ idea sbagliata di un mondo definito erroneamente virtuale. Internet è realtà. Non un’ amplificazione, ma un’ estensione ed un cambiamento nelle relazioni sociali.

Il 9 marzo, durante il primo incontro del Norwegian Nobel Committee è stata accettata la candidatura di Internet al premio Nobel per la pace. La rete può essere uno strumento per la pace. Chiunque lo usi può piantare il seme della non violenza. Il merito di un Nobel per tutti e ciascuno di noi, dipenderà dal “valore della reputazione che alla rete attribuiremo. Dalla qualità dell’ informazione data in un sito. Per questo la rete ha l’ effettiva capacità di auto-regolazione ed auto-apprendimento. La libertà in Internet è la libertà di ciascuno. Specchio della società. Strumento di organizzazione sociale. Su venticinque milioni di utilizzatori di Internet in Italia, diciannove appartengono ai social networks, di cui sedici utilizzano come spazio principale, Facebook. Internet è un organismo sociale simile solo al mercato concorrenziale economico, in cui l’ informazione fluisce con costanza e trasparenza. Internet come il mercato, ha un vero grande limite, per quanto riguarda la regolazione dal punto di vista della libertà. La libertà in Internet è la libertà di ciascun individuo e il limite della libertà di ognuno sta nel rispetto dei confini della libertà altrui. La crescita della rilevanza sociale di internet è vertiginosa. In Italia le adesioni ai social networks, crescono più velocemente che in Francia e Germania. La responsabilità stà nella diffusione della rete perchè si torni ad un meccanismo fondato sul concetto di meritocrazia” (Franco Bernabè).

Internet è un’ opportunità che nel nostro Paese viene ancora percepita come una minaccia o un problema da risolvere. Siamo ancora ad un livello in cui bisogna spiegare ed insegnare cos’ è il Web e come usarlo. La classe dirigente dovrebbe mettere a disposizione strumenti che insegnino l’ uso di Internet educando la mente alla formulazione di pensieri costruttivi. L’inarrestabile progresso digitale non và ostacolato ma appoggiato dalle istituzioni al fine di preparare le nuove generazioni ad un confronto socioeconomico internazionale dal quale altrimenti rimarrebbero escluse.

Il vice ministro dello sviluppo economico Paolo Romani, fautore del decreto legge 169, in cui i siti web vengono equiparati alle tv, che tra le altre, come afferma il dirigente di Google Marco Pancini, ha una conseguenza importante: disapplica di fatto le norme sul commercio elettronico in base alla quale l’attività dell’ hosting service provider, cioè del sito che ospita contenuti generati da terzi, va distinta da quella di un canale tv, il quale sceglie cosa trasmettere. Significherebbe distruggere il sistema Internet. Sostanzialmente il suddetto decreto prevede l’ autorizzazione ministeriale preventiva per trasmettere via web, legge che limiterebbe enormemente il funzionamento della rete. I provider sarebbero responsabili dei contenuti pubblicati sul web e dovrebbero rimuovere quelli che violano il diritto d’ autore, pena una sanzione che potrebbe arrivare a centocinquantamila euro per ogni richiamo. Con il Decreto Legislativo Romani tra l’ altro, chi ha un collegamento Internet, rischia di dover pagare anche il Canone Rai. Ma la cosa scioccante è che a sentirlo parlare, il vice ministro non sembra esser molto esperto di Internet. Ha citato più volte come esempio Youtube, sostenendo questo ultimo non sembri avere bisogno di un controllo ferrato, non essendovi sul sito pubblicazioni di impronta pornografica. Il vice ministro Romani non sa neanche dell’esistenza di Youporn!

Ministro, gli ottocento milioni versati dai cittadini allo stato in forma di tasse, al fine di promuovere la cosiddetta “banda larga”, considerata fattore esponenziale di crescita economica e occupazionale di un paese, dove sono?

“Gli ottocento milioni di euro, non sono spariti ma congelati perchè il ministro del tesoro Tremonti, stà aspettando il momento opportuno per investirli”.

E secondo lei, tra la costruzione del ponte a Messina e l’ investimento nella diffusione della banda larga, cosa si potrà sostenere?

“Assolutamente entrambi gli investimenti. Abbiamo soldi per tutto, ve lo garantisco”.

La mia sensazione e’  la stessa di molti, nell’ osservare i volti di tutti neanche più  stupiti, ma dall’espressione sarcastica mista a crescente delusione.

Professor Lessig, cos’ è Internet?

“Internet permette delle cose. E’ uno strumento di innovazione non progettata e non prevista. E’ bene e male. Entità positiva e negativa. Bisogna accettare l’ esistenza di Internet. Favorirla limitandone i danni. Essere umili per non cadere in giudizi estremi e deleteri. E’ necessaria una compensazione tra vantaggi e svantaggi della rete, perchè dichiarare guerra ad Internet significherebbe fare la guerra ai nostri figli. Il ventesimo secolo è stato caratterizzato da una mentalità dittatoriale. Limitare ora gli strumenti di conoscenza ed interrelazione, significherebbe trasformare le nuove generazioni in un popolo di clandestini e pirati. Abbiamo bisogno di governi maturi e sani di mente perchè la libertà stà nell’ insegnamento al rispetto dei confini della libertà altrui”.

Professore, quali sono le differenze tra USA e Italia nelle reazioni al fenomeno Internet?

“In Italia, Internet spaventa e di conseguenza vi è un’ ostile chiusura circa la velocissima evoluzione della rete ed il conseguente cambiamento nelle dinamiche dei rapporti sociali. In America vi è il problema opposto. Il popolo americano ne elogia il bene dimenticandosi del male. Negli Stati Uniti, ancora non si sono ufficialmente affrontate le problematiche che qui oggi stiamo considerando”.

Qual’ è il rischio che stiamo correndo?

“Il pericolo è che l’ attuale frustazione in crescita esponenziale tra i sistemi democratici, generi una rabbia cieca e vendicativa per la quale le generazioni virtuali non perdoneranno le mancate promesse fatte dall’ alto”.

Internet non è altro che un’immensa comunità. Uno spazio in cui poter esprimere la propria natura, considerando e valutando quella degli altri. Un bacino di idee in continuo movimento. Espressione reale di un progresso inarrestabile, in poco più di dieci anni ha sconvolto la politica e le relazioni sociali. Nel bene e nel male. Internet è uno spazio. E come tutti i luoghi, la reputazione di un dato sito dipende da chi lo frequenta. La crescita del singolo individuo è relativa alla scelta di informazioni che si decidono di adottare. Il futuro non è restrizione o divieto ma educazione alla valutazione di ciò che è bene e male. La rete non è un’ amplificazione della nostra vita, ma un’ estensione di ciò che viviamo. Il problema non è che sul network italiano di Facebook vi sia ad esempio, un gruppo di stampo mafioso, ma che nel paese esistano effettivamente sistemi e gruppi mafiosi. Internet siamo noi. Sono le nostre idee ad identificarci e sempre i nostri pensieri a fornirci un potentissimo strumento di relazione e confronto sociale. Statisticamente in Europa, l’ Italia è il paese che usa la rete nel modo più futile e superficiale. Coraggio italiani! Come in tutti i sistemi, il mezzo più potente è sempre il più difficile da gestire. Soprattutto quando il suo funzionamento dipende totalmente da ciò e da chi decidiamo di essere. Sono le nostre scelte di vita a determinarne i contenuti, il valore ed il riflesso di ciò che siamo. La libertà sta nell’ accettazione dei cambiamenti e nel coraggio di capire che nulla è per sempre.

Ottavia Massimo

Per approfondimenti:

Google: “Convegno Internet è libertà. Perchè dobbimo difendere la rete”

Per chi volesse scrivere all’ideatore del Decreto Legislativo 169, Paolo Romani:

  • paolo.romani@sviluppoeconomico.gov.it
  • segreteria.romani@sviluppoeconomico.gov.it


Leave a comment

Il ghetto della civiltà e la perdita di capacità d’interazione

Una rom a Castel S. Angelo

Il 27 gennaio scorso, scrivendo del Casilino 900, lo definii un campo nomadi. Fui giustamente accusata di aver usato il termine nomade in maniera non esatta. Effettivamente la parola nomade non definisce il gruppo citato, perchè composto da individui stanziati nella suddetta zona da varie generazioni. Senza aver mai effettuato spostamenti di massa. Casilino 900 era una comunità. Di etnie. Famiglie. Sistemi e culture non integrate alla nostra perchè considerati incivili. Casilino 900 era uno dei campi meno integrati d’ Europa. Forse anche perchè l’ unione forzata tra etnie storicamente in lotta tra loro, ha necessariamente rallentato quel fenomeno sviluppatosi invece silenziosamente, all’interno della comunità stessa.

L’ integrazione da noi pretesa, non è avvenuta nei tempi stabiliti perchè le quattro razze presenti dagli anni sessanta al Casilino 900, si sono impegnate ad integrarsi tra loro, ignorando implicitamente l’ unione con la popolazione del paese ospitante. I fenomeni interni ai campi rom presenti in Italia, non sono mai stati sociologicamente affrontati. Lo stato italiano pretende una fusione civile tra popoli, senza studiarne le dinamiche fondamentali assolutamente chiare nello svelare problematiche interne a popolazioni definite “gruppo” – in realtà formato da ceppi diversi e spesso in profondo contrasto tra loro.

Lo sgombero dello spazio tra la via Casilina e la Palmiro Togliatti è stato principalmente coordinato dai portavoce del campo stesso ed i gestori delle nuove aree ospitanti. Preoccupazione principale degli ospitanti: l’integrazione tra i nuovi arrivati ed i rom gia’ precedentemente sistemati. Preoccupazione principale degli organi governativi in ambito sociale: igiene, scolarizzazione, abbassamento effettivo del livello statistico di micro e macro criminalità. Preoccupazione principale dei capi-campo: sistemazione adeguata circa l’ origine di appartenenza delle famiglie in transito. Finalmente.

D. Bajram Rasimi, hai una lista di persone che ora e nei prossimi giorni verranno spostate in altre zone di Roma. Quali sono secondo te, le condizioni essenziali per cui questo ulteriore tentativo di integrazione funzioni realmente?

“La lista che ho qui stamattina è un elenco di famiglie prevalentemente kossovare e macedoni, con una minoranza di montenegrini unitisi nel tempo ai suddetti citati, attraverso la creazione di nuovi nuclei familiari.”

D. Casilino 900 ospita un elevato numero di famiglie bosniache. Perchè sembra si tenda a dividere queste ultime da kossovari e macedoni.

“Perchè da cinquanta anni i disordini interni al Casilino 900, avvengono principalmente tra Bosnia e Montenegro da una parte, Kossovo e Macedonia dall’altra”.

Le famiglie sono state sommariamente scelte in base al grado di civiltà proprio dei gruppi ospitanti. Le nuove sistemazioni offriranno l’opportunità di integrazione effettiva con noi popolo italiano, perchè il confronto sarà diretto e non più distratto dall’impegno nella risoluzione di dinamiche interne a sistemi contrastanti tra culture a noi sconosciute. La comunità del Casilino 900 vivrà un aspetto epocale circa un cambiamento di vita che forse porterà all’adozione di un concetto di civiltà europea, diviso in nuclei familiari sempre meno numerosi e racchiusi in dinamiche strettamente personali.

In un periodo storico in cui sembra evidente la profonda indifferenza circa le problematiche mondiali, unita ad un forte bisogno di risoluzione di dinamiche esistenziali individuali, abbiamo perso l’occasione di cogliere forse l’ unico aspetto positivo di una delle comunità multiraziali più grandi d’ Europa. Il concetto di collettività. Ripensando ad un periodo particolare di due anni fa, mi chiedo una cosa cui solo da poco son riuscita a dare una risposta soddisfacente. Perchè i bambini rom, i ragazzini che vivono nei campi abusivi, sporchi, emarginati, in condizioni di vita in cui uno dei nostri riuscirebbe forse a sopravvivere pochi giorni, sembrano così sicuri di sé? Ridono. Corrono. Piangono. Sono spesso maleducati. Urlano e sbraitano scappando da donne ancora più urlanti che li inseguono brandendo scope infangate. Per poi ricoprirli di carezze, attenzioni, amore.

Il fatto è che realmente lo sono, sicuri del proprio essere. Gli zingari vivono in comunità condivise da decine di famiglie che si amano e si odiano ad una distanza irrisoria. La convivenza è regolata da un senso comune all’ osservazione di leggi implicite e taciti accordi. Tra questi, quello forse più essenziale è una sorta di obbligo moralmente dovuto, al rispetto del bambino. Anche se figlio di famiglie rivali. La vicinanza delle abitazioni fa sì che si vengano a creare nuclei più o meno uniformi che generano sistemi nei quali il bambino ha la possibilità di sorbire informazioni apprendendo da più fonti. I bambini rom sembrano avere una velocità di pensiero nella percezione dell’ individuo, superiore ai nostri. Saranno obiettivamente poco educati. Molti non sanno leggere né scrivere ad un’ età in cui i nostri si occupano di radici quadrate. La maggior parte crescerà imparando che nella vita le scorciatoie sono utili. Le furbate che verranno loro insegnate faranno parte di un sistema rivolto alla salvaguardia del gruppo di appartenenza. Tra zingari ci si protegge vicendevolmente. Non si nega cibo né ospitalità e l’ onore proprio a coloro che vengono gradualmente riconosciuti capi-famiglia è innalzato e difeso dalla comunità intera anche a costo della vita stessa. Non esiste un modo di essere e di vivere che sia il migliore di tutti. Esistono le circostanze. E le occasioni per imparare soprattutto da chi è abituato a sopravvivere.

Ottavia Massimo


1 Comment

Sgombero del Casilino 900 – Quando è la percezione a fare della propria vita un ghetto

casilino900

 

 

24 Gennaio 2010

Casilino 900 era il più grande campo nomadi d’ Italia. Il più antico d’ Europa. Il 24 gennaio del 2009, il Sindaco Alemanno ne uscì dicendo di non aver mai assistito a nulla di simile. Considerò le condizioni di vita di tale campo, peggiori di quelle dei profughi palestinesi. Promise che entro un anno avrebbe fatto sgomberare la zona. Il 20 gennaio del 2010, sono iniziate le operazioni di smantellamento di baracche e roulottes.

Il Casilino 900 è una conca di terra che si estende tra la Palmiro Togliatti e via Casilina. Nacque negli anni ‘60, dopo che ai nomadi di origine italiana, vennero assegnate nuove abitazioni. Da allora, quella che molti sostengono essere un’area archeologica è stata occupata da gruppi di popolazioni in fuga dai propri paesi. Quattro etnie per un totale di circa ottocento persone di cui seicentotrenta censite.

I rom verranno divisi non per origini ma per nuclei familiari. Saranno collocati in container da quattro/sei persone e verrà loro fornita luce ed acqua calda. Sono cinque i campi attrezzati ad accogliere i nuovi sfollati. Castel Romano, Salone, via dei Gordiani, via Candoni ed il Camping River sulla via Tiberina.

Tra i primi ad esser trasferiti, kossovarimacedoni. Furgoni della Croce Rossa Italiana e macchine della polizia, sono stati messi a disposizione perchè le operazioni di spostamento avvengano in modo ordinato. Alle 10 di sabato 22 gennaio è partito il I pullman diretto al River, vicino Prima Porta. Nonostante i racconti di chi gia si è informato o ha avuto la possibilità di andare a vedere, negli occhi di molti sembrava guizzare una scintilla di curiosità che lungo la Tiberina, gradualmente pareva mutare in speranza. La lieve ansia che sembrava accompagnare le famiglie che al Casilino vivevano da generazioni, non era paura della nuova vita, ma pura malinconia.

Il camping River sembra un villaggio della solidarietà. Nato otto anni fa è una struttura privata che il proprietario, Roberto Fagiolari, ha deciso di mettere a disposizione del comune di Roma, ospitando zingari e rom prevalentemente di origine romena. Roberto non ha soltanto “ceduto” parte della sua terra al comune, ma quotidianamente si occupa in prima persona del funzionamento e dell’ armonia generale interni al campo. Quaranta container perfettamente puliti e attrezzati con docce, cucine ed acqua calda, ospiteranno i 167 provenienti dal Casilino. La comunità del River è gestita inoltre da due cooperative ed ospita un totale di quattrocento ottanta persone, compresi i nuovi arrivati. Vi sono dodici bungalow, trenta camere con bagno, sessantacinque container più altri trentacinque in arrivo. Lo sguardo profondo e fermo non nasconde la dolcezza con cui Roberto tratta chiunque dimostri di apprezzare il suo lavoro.

Il Casilino 900 è forse il più degradato dei campi. Il River sembra un circolo sportivo per amanti della natura. Ai cancelli vi sono quattro ispettori che a turno controllano giorno e notte le entrate e le uscite di ogni singolo individuo. Gli ospiti esterni sono obbligati a lasciare un documento di identità all’entrata. La scolarizzazione del River è del 100%. Le mamme del River chiedono se i bambini appena arrivati andranno nelle stesse scuole dei propri figli. Sono preoccupate. Sospettose. Conoscono le storie che ruotano intorno al Casilino 900 e temono che i loro figli possano subire influenze diseducative. Non sanno che Roberto ha scelto le famiglie da inserire nel proprio campo, una ad una. Non immaginano che i primi a mostrarsi scettici siano proprio i nuovi arrivati. E non per gli stessi motivi. Gli abitanti del Casilino 900 sono gente profondamente libera. In cinquanta anni si sono creati una dimensione eticamente attaccabile ma incredibilmente priva dei sistemi nei quali ognuno di noi è abituato a vivere. L’ anarchia di cui parlo deriva da un sentimento radicato nella loro cultura per cui le regole valgono in funzione della stima che si crea all’ interno di un nucleo specifico. Appena arrivati, alcuni di loro si siedono senza neanche andar a vedere le nuove case. Lo sguardo perso in un vuoto che pare un baratro di melancolia.

Forza ragazzi. Dai! Guardate che meraviglia. Che posto! Andiamo a vedere le vostre case. C’ è la doccia. L’acqua calda. Un ristorante, il giardino, il Tevere, cibo per tutti! Che c’ è ragazzi, che succede.. “E’ piccolo. Siamo troppi”. Ma va, guardate quanto spazio. E lì c’ è un cantiere in cui stanno costruendo nuove abitazioni!“Ottavia. Ma è vero che ci prenderanno i documenti ogni volta che usciremo? E’ vero che alle 20:00 dovremo essere tutti dentro? E’ vero che non ci sono mezzi di trasporto? Hai visto quant’ è lontano da tutto? Cos’ è, un carcere? Questa non può essere casa nostra”.

Poco dopo è arrivata Sveva Belviso. Assessore alle politiche sociali. Il suo sorriso ha illuminato di speranza anche i più pessimisti e le promesse fatte son sembrate concrete nella definizione di punti mai troppo chiari. Con ognuno parlava volgendo ad ogni storia un’attenzione particolare. Per ognuno pareva trovare soluzioni e per chi, per questioni di età, non vi sono possibilità lavorative, non si è sbrodolata come usualmente istituzionalmente capita, in vane promesse e risposte infondate. Continuavano a chiedere. Come lei avesse la formula magica e una casa per tutti. Non era un sentimento di ingratitudine quello che appariva come forte irriconoscenza verso chi dal fango e dalla più nera miseria li stava salvando. Avranno cibo, acqua, istruzione per i propri figli. Alcuni riusciranno ad inserirsi in contesti lavorativi attraverso cui probabilmente arriveranno a potersi permettere un affitto. Altri scapperanno.

Se per alcuni la civiltà è un ghetto, la libertà cos’ è. Soltanto una percezione?

 

Ottavia Massimo