NUR

Ottavia Massimo © all rights reserved


1 Comment

PEYOTE VS COCAINE.

ITALIAN – http://ottaviamassimo.com/2010/05/25/peyote-vs-cocaina-sostanze-che-aprono-la-mente-altre-che-la-mente-annichiliscono/

SUBSTANCES THAT OPEN THE MIND. OTHERS THAT THE MIND ANNIHILATES.

peyote

“It was night. The moon seemed to turn the desert on and an ice cold ties every thought. We built a small altar and above the center we leaned that be, as big as a tangerine, green as an olive, seemed to wink into segments of smiles. I prayed. That gave us a “buen viaje”. That the path was a meeting of perceptions between dimensions of unknown size. We cut another. I took a piece, not swallowed. I pop it in my mouth, sideways. The bitter juice began its course between the bowels and in a few moments, i felt the body mutate into something that was not belonging to me. I looked around. I thought to be under the sea. Tree’s branches seemed algae and fluctuated between spirals of colour. The sky, a garden of stars, so close to the eye that seemed dreaming among flowers of sunshine. I felt my eyes open wide in an embrace and i stopped to listen.

Suddenly i understood. I was not at the bottom of the sea. Nor in a desert of Central America. I was the universe. Nature. I was in all my senses could perceive. Branches of that tree were not bark because from wen i began to observe them, i saw their sap and each cell winding in tentacles of light. A cloud changed into a woman’s profile. Of proud and strong features. I looked away and i was afraid. Closed my eyes and decided to listen. The voice of the desert a deafening silence and my thoughts starts turning into familiar sounds and incomprehensible doggerel. Then suddenly clear.

Nature’s voice. A coyote’s howl, turned into words and a mocking hiss bicame ant. Talking with animals. I was an animal. Went back to look at the woman’s profile, thinking not to find it and that cloud turned, opening a mouth as big as the sky and ready to devour the whole world and my fears. I closed my eyes. Opened them wen terror turned into rational thoughts. The unconscious opens its doors and slowly every ghost seemd to melt into the wind. Ruthless remember and unresolved traumas were looking for answers that were finally found. I felt the depth of life and lives that hours before i defined wonderful, appeared to me real in all their torment. I cried tears of pure emotion”.

No words but the courage to “feel”.

peyote_

Lophophora Williamsii or more commonly called Peyote, is a cactus, native of Central America and is perhaps the substance in wich the current era unless it identified.

It was discovered in 1843 and many of the Central American tribes, persecuted by the Spanish and catholic impositions, were saved thanks to visions of perception given by mescaline, Peyote’s active ingredient. The use of the same, comes from the ancient populations of the Mexican Indians who were considering him a God. Priests were taking Peyote before ceremonies that turned into long pilgrimages to the desert.

With the arrival of spanish conquerors and the compulsory introduction of catholicism, Peyote’s use was considered sinful and evil. Colonists repression touched a surreal peak when it was established a law that sanctioned death by hanging to those who made use of Peyote. Attempts at prohibition which aimed to root out the consumption, failed.

Its use spread from Southern Mexico through North America up to Canada.

It was, with LSD, the most consumed substance in the ’60s and ’70s psychedelic culture. At that time the artistic fervor created cultural movements that were difficult to manipulate because rised from the courage to fight for their dreams. And dreams, as utopian, were there.

Now there’s cocaine. 

Destroying substance that isolates, annihilating emotions and acting on the illusion of power and omnipotence. If every age has its drug, would be interesting to ask why we are experiencing an artistically and culturally empty period, in the sense of an apathy that feeds ignorance. How comes that we’re choosing to live a substance that destroys perceptions and stuns consciousness?

Who uses it, claims not to be a drug but a stimulant.

And it’s foolish abuse is given by the enormous request that the state itself satisfies. Is it possible that in an historical moment in wich everywhere is clear the manipulation of the masses by the few, you can not understand that cocaine is not a suitable drug to raise the psychological and emotional decline’s fortunes?

The current system of drug classification is based more on political and cultural reasons that actual demage created by the substances to health. What should just be objective scientific reality, chenge in concepts confused by the interference of ideologies, cultural heritage and economic powers. The manipulation that entire generations are suffering through distorted information and ephemeral media examples, is an insult to human dignity. Look around. This is the era of pharmaceutical companies. Appearance. Fiction. Indecision of who needs to feel strong trough a substance that nullifies consciousness, giving the illusion of a power given by the exaltation of the self. Cocaine prohibits listening, slotting thoughts in isolated processes that the mind trick and dress of arrogance. Who knows where we will be when the story of us will tell about generations defeated by government’s manipulations. How many will wonder why there has not been a reaction to actual abuse of power. Someone will write describing us as the century burned by cocaine. By craving for power. By lying. Stop thinking. Listen to your consciousness. Look at reality. They’re cheating. Teaching us not to think, providing tools to ties up our mind and the time of each abuse.

Meanwhile, life flows..

Before sunrise is very very dark.

Ottavia Massimo

Advertisements


2 Comments

PEYOTE VS COCAINA. SOSTANZE CHE APRONO LA MENTE. ALTRE CHE LA MENTE ANNICHILISCONO.

ENGLISH – http://ottaviamassimo.com/2010/05/25/peyote-vs-cocaine/

peyote

“Era notte. La luna sembrava accendere il deserto e un freddo di ghiaccio fermava i pensieri. Costruimmo un piccolo altare e sopra, al centro, appoggiammo quell’ essere grande come un mandarino, verde come un’oliva, pareva ammiccare in spicchi di sorrisi. Lo pregammo. Ché ci desse un “buen viaje”. Che il cammino fosse un incontro di percezioni tra dimensioni sconosciute. Ne tagliammo un altro. Presi uno spicchio, non lo ingoiai. Lo misi in bocca, di lato. Il succo amaro iniziò il suo corso tra le viscere ed il corpo in pochi istanti, sentii mutare in qualcosa che non sembrava appartenermi. Guardai intorno. Pensai di essere in fondo al mare. I rami dell’unico albero a pochi metri, sembravano alghe e fluttuavano tra spirali di colore. Il cielo, un giardino di stelle così vicine che pareva di sognare tra fiori di sole. Sentii gli occhi spalancarsi in un abbraccio e mi fermai ad ascoltare. Improvvisamente capii. Non ero in fondo al mare. Né in un deserto del Centro America. Ero l’universo. La natura. Ero in tutto ciò i miei sensi potessero percepire. I rami di quell’albero non erano corteccia perché nell’istante in cui iniziai ad osservarli, ne vidi la linfa ed ogni cellula avvolgersi in tentacoli di luce. Guardai una nuvola mutare in un profilo di donna. I lineamenti marcati e fieri. Distolsi lo sguardo ed ebbi paura. Chiusi gli occhi e decisi di ascoltare. La voce del deserto un silenzio assordante e più ascoltavo più i pensieri si trasformavano in suoni e versi familiari incomprensibili. Poi improvvisamente chiari. Era la voce della natura. L’ululato di un coyote mutò in parole ed un sibilo beffardo si fece formica. Parlavo con gli animali. Ero un animale. Tornai a guardare il profilo di donna pensando di non trovarlo e quella nuvola inquietante si voltò, spalancando una bocca grande come il cielo e pronta a divorarmi insieme al mondo e alle mie paure. Chiusi gli occhi. Li riaprii quando il terrore mutò in pensieri razionali. L’inconscio spalancava le sue porte e lentamente ogni fantasma pareva sciogliersi nel vento. Ricordi spietati e traumi irrisolti cercavano risposte che finalmente trovarono. Avvertii lo spessore della vita e le esistenze che ore prima definivo meravigliose, mi apparvero reali in ogni loro tormento. Piansi lacrime di pura emozione”. Non servivano parole ma il coraggio di “sentire”.

peyote_Lophophora Williamsii o più comunemente Peyote è un cactus originario del Centro America ed è forse la sostanza in cui l’epoca attuale meno si identifica. Fu scoperto nel 1843 e molte delle tribù centroamericane, perseguitate dagli spagnoli e dalle imposizioni cattoliche, si salvarono grazie alle visioni percettive date dalla mescalina, principio attivo del Peyote. L’ uso dello stesso deriva dalle antiche popolazioni degli Indios messicani che lo consideravano un Dio. I sacerdoti assumevano il Peyote prima delle cerimonie che si trasformavano in lunghe peregrinazioni verso il deserto. Con l’arrivo dei conquistatori spagnoli e l’introduzione forzata del cattolicesimo, l’uso del Peyote fu considerato peccaminoso e diabolico. La repressione dei colonizzatori toccò picchi surreali quando fu stabilita una legge che sanciva morte per impiccagione a chi faceva uso di Peyote. I tentativi di proibizionismo che miravano ad estirparne il consumo, fallirono. Il suo uso si estese dal sud del Messico, attraverso il nord America fino al Canada.

Insieme all’LSD, fu la sostanza più consumata nella cultura psichedelica degli anni ‘60 e ‘70. Allora il fervore artistico creava movimenti culturali difficilmente manipolabili perché nascevano dal coraggio di lottare per i propri sogni. E i sogni per quanto utopici, esistevano. Ora esiste la cocaina. Sostanza che isola annientando le emozioni ed agendo sull’illusione di potere e onnipotenza. Se ogni epoca ha la sua droga, sarebbe interessante chiederci come mai si stia attraversando un periodo artisticamente spento e culturalmente vuoto, nel senso di un’apatia che nutre l’ignoranza. Come mai si sta scegliendo di vivere una sostanza che distrugge le percezioni e stordisce la coscienza? Chi ne fa uso sostiene non essere una droga ma un eccitante. E lo stolto abuso che se ne sta facendo sia dato dall’enorme richiesta che lo stato stesso soddisfa. Possibile che in un momento storico in cui ovunque nel mondo chiara appare la manipolazione di masse da parte di pochi, non si riesca a capire che la cocaina non è la droga adatta a sollevare le sorti dell’attuale declino psico-emotivo? Il sistema attuale di classificazione delle droghe è fondato più su ragioni politiche e culturali che sull’effettivo danno creato dalle sostanze alla salute. Quelle che dovrebbero essere oggettive realtà scientifiche mutano in concetti confusi dalle interferenze delle ideologie, dei retaggi culturali e dei poteri economici. La manipolazione che intere generazioni stanno subendo attraverso la distorta informazione ed effimeri esempi mediatici è un insulto alla dignità umana. Guardiamoci intorno. Siamo nell’era delle case farmaceutiche. Dell’apparenza. Della finzione.

Dell’indecisione di chi ha bisogno di sentirsi forte attraverso una sostanza che annulla la coscienza, offrendo l’illusione di un potere dato dall’esaltazione del proprio io. La cocaina vieta l’ascolto incastrando i pensieri in processi isolati che la mente ingannano e vestono di arroganza. Chissà dove saremo quando la storia di noi racconterà di generazioni sconfitte dalle manipolazioni dei governi. Quanti si chiederanno perché non ci sia stata una reazione effettiva agli abusi di potere. Di noi probabilmente scriveranno descrivendoci come il secolo bruciato dalla cocaina. Dalla smania di potere. Dalla menzogna. Fermiamo il pensiero. Ascoltiamo la coscienza. Osserviamo la realtà. Ci stanno fregando. Ci stanno insegnando a non pensare fornendo strumenti che la mente immobilizzano e del tempo di ognuno abusano. La vita intanto scorre. Prima dell’alba è molto molto buio.

Ottavia Massimo